Maio Meregalli

Maio Meregalli, la gara di Valencia della Yamaha e l’approccio alla nuova stagione: il bilancio di un 2017 non del tutto soddisfacente

La stagione 2017 di MotoGp è terminata ieri col Gp di Valencia! Marc Marquez si è confermato campione del mondo, grazie al terzo posto conquistato ieri in gara e alla caduta del suo diretto rivale Andrea Dovizioso che ha messo fine ai giochi qualche giro prima del termine della corsa. Ancora un weekend complicato in casa Yamaha, con Valentino Rossi e Maverick Vinales rispettivamente quinto e decimo. Il team di Iwata ha chiuso al secondo posto la classifica Team e Costruttori, portando lo spagnolo Vinales sul podio mondiale: adesso però inizia un durissimo lavoro in vista della nuova stagione, che la Yamaha vorrà affrontare in maniera sicuramente differente. Maio Meregalli, team director Yamaha, come riportato dal comunicato ufficiale della squadra, ha raccontato le sensazioni post gara e lo spirito con qui il team si prepara ad affrontare l’anno nuovo:

E’ stata una gara molto impegnativa per noi, qui a Valencia, ma sono sicuro che è stata comunque eccitante per i fan della MotoGp. Valentino ha fatto disputato un weekend difficile e ha guidato oggi in gara senza commettere errori. Grazie ai suoi sforzi e alle cadute, si è assicurato un quinto posto. E’ un peccato che abbiamo mancato il quarto posto in campionato per soli due punti. La gara di Maverick oggi è stata leggermente compromessa da un incidente nel warm up questa mattina, che gli ha lasciato veramente poco tempo per preparare il set up per il pomeriggio. Comunque il suo feeling era veramente buono nel warm up. E’ un peccato che lui abbia avuto una prova completamente differente durante la gara. I risultati finali di oggi non sono eccitati, ma il team ha fatto tutto ciò che poteva per spingere in un nuovo weekend complicato, nonostante le difficoltà  e questo ci ha permesso di assicurarsi il secondo posto nel campionato dei Team e Costruttori e Maverick ha chiuso il campionato al terzo posto nel suo primo anno in Yamaha. Avremmo voluto terminare la stagione in modo differente, abbiamo fatto tutto ciò che potevamo ma non siamo stati capaci di raggiungere ciò che volevamo. La stagione 2018 inizia martedì. Questi test saranno importanti per valutare nuovi elementi, ma la cosa più importante è lasciare il circuito con un’idea chiara della direzione che dobbiamo prendere il prossimo anno per la moto”