Livio Suppo spiega i motivi che lo hanno portato a dire addio alla Honda e al mondo delle corse

Nel pomeriggio è arrivata l’annuncio ufficiale dell’addio di Livio Suppo alla Honda e al mondo delle corse. Il manager italiano ha deciso di lasciare il suo ruolo di team principal nella squadra giapponese, appena poche ore dopo la vittoria del sesto titolo Mondiale di Marc Marquez. Adesso Suppo si dedicherà a nuove avventure che non ha ancora annunciato, mentre la Honda si prenderà un po’ di tempo prima di decidere chi prenderà il suo posto. Contattato dai colleghi di GpOne.com Suppo ha raccontato i motivi della sua decisione:

“Sono stato in questo paddock per 22 anni e mi ha dato tanto. Questa è una decisione che cambierà la mia vita. Avevo ancora un anno di contratto con HRC, ma questo era il momento giusto per lasciare. Tutto è sotto controllo per la prossima stagione e avranno tempo per organizzare il futuro, per questo ha anticipato la mia uscitaVolevo cambiare vita, lasciare al top, dopo una stagione come questa in cui abbiamo vinto tutto, non è semplice, ma sento di avere preso la decisione giusta. Voglio dedicare più tempo a me stesso e alla mia famiglia, dopo tanti anni mi mancavano troppo i tanti fine settimana passati fuori casa. Questo lavoro è una droga, ma da single forse avrei lasciato addirittura prima. Ho sempre preso le mie scelte con lo stomaco, sentivo quando era tempo di cambiare anche se non conoscevo cosa avrei fatto dopo. Sono orgoglioso di quanto fatto in HRC ma ora la batteria è scarica e voglio ricaricarla. Mai dire mai, ma al momento non penso di rientrare in questo mondoOra ho bisogno di staccare e di fare qualcosa di diverso, ma ho già qualche idea. Mi piacciono molto le biciclette (è coinvolto nell’azienda Thok, che produce mountain bike elettriche ndr) e sicuramente mi dedicherò a quel mondo”.