Valentino Rossi
LaPresse/EFE

Nicolas Goubert e le preziose informazioni dei piloti alla Michelin: l’ex direttore dell’azienda francese fornitrice ufficiale di pneumatici della MotoGp elogia Valentino Rossi

I piloti della MotoGp sono finalmente in vacanza. Ancora qualche evento con gli sponsor e qualche partecipazioni a manifestazioni motoristiche e i campioni a due ruote potranno finalmente godersi un po’ di relax. Ieri è finita la due giorni di test privati della Yamaha a Sepang, con Rossi, Vinales e Zarco che hanno lavorato sodo per fornire i dati necessari al team per la moto 2018. Il campione del mondo, Marc Marquez, è in ‘ferie’ ormai dal termine dei test di Valencia, di due settimane fa, mentre gli altri piloti hanno salutato le loro moto la settimana scorsa dopo una sessione di test privati a Jerez. Se i campioni possono andare in vacanza, non potranno fare altrettanto i loro team, così come la Michelin Motorsport, fornitrice ufficiale di pneumatici per la MotoGp. L’azienda francese ha dovuto fare i conti di recenti con dei cambiamenti al vertice: Nicolas Goubert, direttore tecnico, ha infatti deciso di dire addio alla Michelin, dopo 28 anni di collaborazione per iniziare una nuova avventura nell’elettrico. Intervistato dai microfoni di Motorsport-Total.com, Goubert si è focalizzato sul ruolo fondamentale che svolgono i piloti nelle indicazioni da fornire all’azienda per sviluppare le gomme:

Ci sono alcuni piloti che possono dare informazioni molto precise. La maggior parte dei piloti possono descrivere bene la gomma posteriore. Sembra essere facile valutare le prestazioni del pneumatico posteriore. Le gomme anteriori sono più difficili, ci sono solo alcuni piloti che possono farlo. Ci sono molti meno piloti che possono spiegare perché a loro piacciono alcuni pneumatici o no. Valentino ha molto talento quando si tratta di descrivere cosa fanno la moto e le gomme. Riders come (Alvaro) Bautista possono descrivere esattamente come si sente con la parte anteriore. Anche Marc (Marquez) è molto preciso. Non direi che Johann (Zarco) può fare affermazioni molto precise. Non usiamo le sue dichiarazioni perché lui sta imparando ancora. Ci sono alcuni piloti in MotoGP che possono descrivere esattamente ciò che provano”.