• Facebook @asderosportacademy
    Facebook @asderosportacademy
  • Facebook @asderosportacademy
    Facebook @asderosportacademy
  • Facebook @asderosportacademy
    Facebook @asderosportacademy
/

Tra giovanissimi un match del campionato di Allievi Regionali finisce in rissa, ecco cosa è successo tra Futura Monteroni e l’Eurosport Academy Brindisi

Capita a volte che il calcio diventi un gioco al massacro e che una partita del campionato di Allievi Regionali (classe 2001) si trasformi in una vera e propria guerriglia a fine match. La gara disputata tra la Futura Monteroni e l’Eurosport Academy Brindisi, finita col risultato di 2-1 per il club di casa (il Monteroni), ha visto al suo termine reciproche e pesanti accuse da parte delle due squadre. “Quattro giocatori della squadra avversaria, finita la partita – ha scritto in una nota la squadra in trasferta come riporta Gazzetta dello Sport – hanno pensato di seguire negli spogliatoi i nostri ragazzi e picchiarli con spranghe di ferro”. 

I padroni di casa  al contrario denunciano l’esatto contrario. Gli ospiti, dopo il gol giunto nel finale di partita, hanno distrutto gli spogliatoi e aggredito i calciatori della squadra avversaria. Quale sarà la veritiera versione dei fatti? La versione della squadra brindisina è però avallata dalla presenza subito dopo i fatti dei tre giocatori della propria squadra al pronto soccorso. Dei ragazzi minorenni sono state rese note solo le iniziali dei loro nomi a tutela della privacy. Ma questi sono le ‘ferite’ riportate dai ragazzi: quattro giorni di prognosi a V.P. per un trauma facciale, cinque giorni a F.F. sempre per un trauma facciale ed escoriazioni mano e polso destro, sette giorni infine per S.R.  per la frattura dell’incisivo inferiore e per una cefalea da trauma. Dopo l’intervento dei carabinieri sul luogo della rissa, tutto è finito nelle mani della Procura Federale che cercherà di chiarire le circostanze dei fatti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE