L’ex magazziniere del Manchester City ha raccontato diversi retroscena in merito alle follie di Balotelli e alla lite tra Mancini e Tevez

Mario Balotelli? Bravo ragazzo ma un po’ matto. Roberto Mancini? Irrazionale e litigioso. Les Chapman, magazziniere del Manchester City per 17 anni, fono al 2014, racconta al “Daily Mail” il dietro le quinte dell’Etihad Stadium e inevitabilmente SuperMario è quello che fornisce più aneddoti. “Mi chiedeva perchè gli avevano sequestrato l’auto 27 volte. Ma ve la ricordate la sua auto mimetica fuori dai ristoranti del centro di Manchester tutti i giorni? Quando è andato via, ho aperto il suo armadietto nello spogliatoio e ho trovato un mucchio di multe. E’ il giocatore più imprevedibile del pianeta. Quando è stato espulso con l’Arsenal, ha lanciato la sua scarpa contro una tv al plasma dentro lo spogliatoio. Ma nonostante tutto era un un ragazzo intelligente e generoso, se si trovava a una stazione di servizio pagava per tutti e regalava soldi ai senzatetto. Con Mancini abbiamo vinto una Premier e una FA Cup e per alcuni tifosi è una leggenda ma era abbastanza litigioso e irrazionale. Ha avuto problemi con Hart, Lescott, Nasri, Dzeko, Kompany, Tevez… Pellegrini era tutto l’opposto, molto più amichevole. Lite con Tevez? Non è stata colpa sua, non si è rifiutato di entrare in campo ma di riscaldarsi perchè lo aveva già fatto. Mancini gli disse che non avrebbe giocato più ma quattro mesi dopo è tornato. Si è detto che erano venuti alle mani nello spogliatoio ma se fosse successo davvero, Tevez lo avrebbe ucciso“. (ITALPRESS)