LeBron James non alza l’asticella, è l’asticella: 57 punti (e non solo) contro i Wizards nella notte che ritocca l’apice della sua leggenda

SportFair

Nella sfida della notte contro i Wizards, LeBron James ha messo a segno 57 punti, diventando il più giovane giocatore a toccare quota 29.000 punti

LaPresse/Reuters

Dopo le sconfitte contro Brooklyn Nets, New Orleans Pelicans, New York Knicks e Indiana Pacers, in casa Cleveland Cavaliers l’atmosfera si era fatta davvero pesante. Un davvero poco invidiabile filotto di 4 sconfitte di fila, terzultimo posto ad Est, e una squadra che fa tanta fatica a trovare l’amalgama e un’identità di gioco. Serviva qualcosa che svegliasse i Cavs dal loro torpore. La scossa è arrivata e porta il 23 sulle spalle. Nel match di ieri notte contro i Washington Wizards, LeBron James ha fatto capire ancora una volta il motivo per il quale viene soprannominato ‘The Chosen One’ – ‘Il Prescelto’. Bradley Beal e John Wall avevano dichiarato che i Wizards fossero i migliori ad Est, LeBron James gli ha fatto cambiare opinione alla svelta: 57 punti, 23-34 al tiro (67.6%), 7 assist e 11 rimbalzi, 3 palle rubate e 2 stoppate, in 42 minuti di partita, l’unico a mettere insieme queste cifre dal 1984, oltre Russell Westbrook (57-13-11 contro i Magic). Una prova devastante, la prima da oltre 50 punti da quando indossava la maglia degli Heat (61 contro gli Hornets nel 2014, ndr), che eguaglia il record di Irving firmato contro gli Spurs nel 2015. Sono 11 le partite da almeno 50 punti in carriera, raggiunto il primato di Allen Iverson al sesto posto All Time in NBA. Diventano invece 800 le partite consecutive in doppia cifra, prima di lui solo un certo Michael Jordan. LeBron James è inoltre diventato l’11° giocatore della storia per canestri segnati, scavalcando Garnett e Havlicek. Per finire, con i 57 punti di questa notte, LeBron James ha scollinato i 29.000 punti in carriera, solo 6 giocatori ce l’hanno fatta nella storia dell’NBA, lui però a 33 anni, è il più giovane ad aver tagliato questo prestigioso traguardo. LeBron James non alza l’asticella, ormai è diventato l’asticella stessa.