Ormsby
LaPresse/D'Alberto

Eurotour: Wade Ormsby nel finale a sorpesa, tonica rimonta di Nino Bertasio. Primo titolo per l’australiano. Al 31° posto Edoardo Molinari, al 48° Matteo Manassero

L’australiano Wade Ormsby ha vinto con 269 (68 68 65 68, -11) colpi l’UBS Hong Kong Open disputato sul percorso dell’Hong Kong GC (par 70) a Fanling, nell’isola di Hong Kong, primo torneo dell’European Tour 2018 organizzato in combinata con l’Asian Tour.  Dopo una tonica rimonta Nino Bertasio si è classificato 23° con 276 (73 69 67 67, -4) e sono andati a premio anche Edoardo Molinari, 31° con 278 (71 67 72 68, -2),  e Matteo Manassero, 48° con 281 (72 69 69 71, +1). Ormsby, 37enne di Adelaide, ha ottenuto il primo titolo nel circuito in un finale piuttosto singolare in cui i quattro inseguitori, tutti secondi con 270 (-10), gli hanno perdonato un bogey sull’ultima buca: lo spagnolo Rafa Cabrera Bello e lo svedese Alexander Bjork commettendo lo stesso errore alla 18ª, lo statunitense Julian Suri defilandosi alla 17ª e il suo connazionale Paul Peterson, impossibilitato a segnare alla 18ª il birdie del playoff.

Wade Ormsby, nei cui palmarés figura anche un successo nell’Asian Tour, ha girato in 68 (-2) colpi con quattro birdie e due bogey e ha ricevuto un assegno di 281.786 euro su un montepremi di 1.700.000 euro. Nino Bertasio, che ha iniziato il torneo all’89° posto, passando poi per il 56° e il 35°, è partito male con un bogey, ma ha brillantemente recuperato con quattro birdie nel rientro (67, -3). Per Edoardo Molinari 68 colpi con sei birdie, di cui quattro nelle ultime sei buche, e quattro bogey, e per Matteo Manassero 71 (+1) con due birdie, tre bogey e un doppio bogey.