ricciardo
LaPresse/Photo4

La conferenza stampa dell’ultimo appuntamento di stagione di Formula Uno vede protagonista anche Daniel Ricciardo: il pilota australiano ha parlato delle sue emozioni

Si chiude la stagione di Formula 1, termina un altro anno pieno di emozioni e colpi di scena che ha visto la Mercedes fare incetta di titoli. Una lotta serrata con la Ferrari, vinta grazie allo scatto decisivo avuto subito dopo la pausa estiva, momento cruciale di un 2017 che ha tenuto col fiato sospeso tifosi ed addetti ai lavori. Se un anno fa ad Abu Dhabi si era assegnato il titolo a Rosberg, quest’anno sul circuito asiatico non ci saranno calcoli da fare, ulteriore motivo per aspettarsi una gara all’attacco da parte di tutti i piloti. Alla prima conferenza stampa del weekend  parla anche Daniel Ricciardo che ha ammesso in vista dell’ultimo gp di stagione:

 A livello personale devo fare in modo di coprire quei errori che ho commesso quest’anno. – ha detto Ricciardo in conferenza stampa – Stagione positiva, belle gare, ma mi piacerebbe che tutte e 20 fossero gare grandiose. Devo valutare tutto l’anno per capire dove sarei potuto migliorare e fare in modo che ci siano miglioramenti in pista e fuori. Per l’anno prossimo dobbiamo iniziare fin da subito, dal via e quindi dobbiamo cominciare con il piede giusto. Vorrei entrare nella lotta del campionato del mondo, i due quattro volte campioni del mondo sono molti forti, io sono soddisfatto dell’annata ma ci sono dei miglioramenti che si possono fare. Spero di estrarre da me  il meglio per l’anno prossimo.

Sulle novità della Liberty Media apportate alla prossima stagione di Formula Uno, Daniel Ricciardo risponde esponendo la propria opinione:

credo che per le macchine ci sono lati positivi e negativi, anche se ce n’è sono di più positivi. La possibilità di andare più veloce è bella anche se ti manca qualcosa e quando segui qualcuno. In alcune piste è stato più palese, anche se poi sei stato in grado di lottare fino in fondo. Ci voleva un vantaggio rilevante per provare il sorpasso, la situazione c’è. Per come sono tracciate le piste le macchine più larghe a livello di aspetto sono più belle e danno più carico aerodinamico, ma portano più spazio e hai meno possibilità di correre nella parte pulita della pista. Per quello che è accaduto fuori dalla pista credo che c’è stato più coinvolgimento nel paddock, è un’area in cui ci può vedere entusiasmo da parte dei fan, con atmosfera giusta, musica. È un piacere farne parte.

Sul sorpasso migliore della stagione, Ricciardo poi ha svelato:

 ne ho troppi tra i quali scegliere. Non è semplice, i tentativi che ho fatto su Valtteri  (Bottas, ndr) a Austin sono stati divertenti, quello su  Kimi (Raikkonen, ndr) a Monza da molto lontano è stato divertente. Quello di Baku che è stato decisivo poi è stato bello.

Sulla possibilità di ridurre il gap con Ferrari e Mercedes e sulla opzione che in quest’ottica potrebbe vedere la lotta con il compagno di box, Max Verstappen, più dura Daniel ha confessato sull’amicizia ‘messa’ in pericolo con l’olandese:

sarebbe bello ricevere gli auguri ed invitarlo per il mio compleanno – scherza Ricciardo – sarebbe bello partire dal presupposto di poter lottare entrambi per il campionato e lottare in un gara decisiva. Vedo favorevolmente questa sfida, quest’anno siamo stati lontani all’inizio. L’anno prossimo potremmo ridurre il margine l’anno prossimo non so se potremo lottare per il campionato ma saremo più vicini. Non voglio fare troppe previsioni ma sono sicuro che lavoreremo per cominciare forte. Max (Verstappen, ndr) è migliorato, non passi da gigante perchè era già forte l’anno scorso, ma è migliorato. Sarà divertente competere con lui e speriamo di poterci unire alla lotta per il campionato del mondo.

Per quanto riguarda la protezione che l’anno prossimo sarà su ogni monoposto di Formula Uno Ricciardo parla dell’halo così:

 farò in modo che il mio casco sia bello lucido questo week end in maniera che lo potrete cedere perchè dall’anno prossimo non sarà più possibile, ma non sarà un cambiamento così radicale come molte persone lo dipingono. Sarà divertente.