LaPresse/Photo4

Lewis Hamilton promette battaglia per l’ultima gara della stagione ad Abu Dhabi

Una gara in rimonta domenica in Brasile per Lewis Hamilton. Il neo campione del mondo, dopo lo schianto in Q1 che non gli ha permesso di lottare per la pole position ha disputato una gara pazzesca sul circuito di Interlagos riuscendo a piazzarsi ad un passo dal podio, alle spalle dei ferraristi e del suo compagno di squadra. Orgoglioso della sua prestazione, Hamilton ha voluto precisare di non essersi adesso cullato sugli allori, dopo la vittoria del titolo, come dichiarato alla Gazzetta dello Sport, promettendo battaglia per l’ultima gara di Abu Dhabi:

“Se fossi riuscito a lottare per la pole, la mia gara sarebbe stata molto diversa. Partendo davanti, avrei di sicuro potuto puntare al successo. Non sono abituato a certe rincorse, però l’affidabilità della Mercedes non è mai stata in discussione e sapevo di poter essere protagonista. Distratto dal titolo già vinto in Messico? E’ una storia senza senso. Non mollerò mai una gara finché correrò, con o senza il Mondiale in tasca. Mi sono divertito, non ho mai dovuto gestire il motore, spingendo al massimo per tutta la gara, al contrario dei GP precedenti. Tutto ciò sarà ancora più determinante dal 2018, quando dovremo fare i conti con 3 power unit solo per tutta la stagione. Voglio lasciare il segno anche là, prima che si chiuda la stagione”.