LaPresse/Photo4

Terminata la gara di F1 sul tracciato di Interlagos in Brasile, i piloti hanno espresso le loro emozioni a caldo commentando il risultato della corsa

Grandi emozioni dall’inizio alla fine nel GP di F1 del Brasile. I piloti di sono dati battaglia sul tracciato dell’Autodromo Jose Carlos Pace, ad Interlagos, con la Ferrari a farla da padrone. Sebastian Vettel infatti, nonostante una partenza complicata, è riuscito a dominare gran parte della gara, concludendo la gara in prima posizione davanti a Bottas, in pole, e all’altro ferrarista Raikkonen. A fine gara Vettel si è espresso così sulla vittoria in Brasile:

si inizialmente sono andato bene, poi ho detto ‘oh no, accidenti! Ho sbagliato…’, pensavo di aver fallito la mia chance ma poi ho visto che anche gli altri avevano difficolt, sono riuscito a prenderlo (Bottas) dall’interno, l’ho sorpreso ed è stato fondamentale perchè dopo la safety car abbiamo spinto per gli ultimi 65 giri e ho dato tutto me stesso per gestire bene il vantaggio e controllare anche il resto del gruppo dietro, penso sia speciale per i ragazzi e per il team a Maranello, è stato un po’ difficile in queste ultime settimane però è bello essere qui con due monoposto sul podio. Provo una sensazione di sollievo, è stata una bella gara, è una bella giornata, ho appena parlato con Valtteri il ritmo e il passo era simile per tutti noi, non c’era proprio spazio per gli errori, è stato molto difficile controllare la macchina per tutto il tempo, sicuramente ci berremo qualcosa per festeggiare. Avevamo tutti lo stesso ritmo, è stato difficile lasciare il gruppo. All’inizio credevo di aver fatto bene, ma ho esagerato un po’ con la velocità e ho perso un po’ da Valtteri. Poi ho visto che anche luia veva dei problemi e ho guadagnato un po’ nella seconda fase che è servita a darmi la spinta per entrare in curva 1 e sapevo che dovevo provarci. Avevo un po’ di vantaggio, ci ho provato ed è stata la decisione giusta. Con safety car è stata un po’ difficile gestire il vantaggio, anche considera il rettilinio, la safety car non è molto veloce quindi è difficile sapere quanto tempo hai bisogno di lasciare alla safety car prima di andare. In generale penso che avevamo meno velocità della Mercedes sul rettilineo in questo weekend, è stato difficile vedere nello specchietto che lui si avvicinava, soprattuto nel primo e nell’ultimo settore, quindi dovevo azzeccare la strategia per il settore di mezzo e ci è andata bene. Anche con le gomme ho cercato di gestire il vantaggio, ma si doveva spingere e controllare nel giro di 1-2-3 secondi. “.

Delusione invece per Valtteri Bottas che, partito dalla pole, ha avuto un po’ di problemi nella fasi iniziali, sprecando il vantaggio su Vettel, non riuscendo poi a superare il ferrarista nel resto della gara:

noi abbiamo iniziato dalla pole e l’unico obiettivo era vincere la gara. Sono molto deluso perchè abbiamo perso posizioni all’inizio della partenza, poi eravamo tutti vicini, ho cercato di fare pressione su Sebastian ma non ha portato a molto. Lewis ha fatto un’ottima rimonta, ha preso ottimi punti, vedremo ad Abu Dhabi. Nella partenza abbiamo perso la gara. Purtroppo per me appena ho rilasciato la frizione c’è stato uno spin, ho avuto qualche problema con la trazione e ho iniziato a ‘spinnare’, ho cercato di coprire l’interno ma guardando gli specchietti vedevo solo Kimi dietro di me, quindi immaginavo di capire dove potesse andare lui, magari all’interno. I nostri passi erano tutti molto vicini, cercavo di fare pressione su Seb, di avvicinarmi sempre di più, anche per il pit stop ero molto vicino, abbiamo deciso di fermarci per l’undercut ma non è stato abbastanza. Mi sono avvicinato abbastanza dopo che lui è uscito dal pit stop ma non abbastanza per poterlo superare. Sono deluso dopo la bella giornata di ieri, considerando anche la battaglia che c’è per il secondo posto in campionato, avremo forse bisogno di un miracolo ad Abu Dhabi.

Terzo posto per Raikkonen che, nonostante si sentisse abbastanza veloce, ha avuto poche ocassioni di superare Bottas e si è dovuto guardare le spalle dalla strepitosa rimonta di Hamilton, partito in fondo dopo essere finito contro le barriere nelle qualifiche:

all’inizio abbiamo avuto un po’ di problemi con il bilanciamento poi con il secondo set la monoposto è migliorata, è andata benissimo e sono riuscito a star dietro ai ragazzi però è stato impossibile sorpassare a queste velocità. Ci siamo avvicinati a loro e anche loro si sono avvicinati a no: Lewis si è avvicinato a me, io a Sebastian a Valtteri ma è andata così. Io ho fatto quello che faccio di solito, ho avuto dei look-up nelle prime curve, è difficile quest’anno vedere dove sono gli altri con gli specchietti, come si muovono, perchè li perdi nella visuale. Le ultime curve sono andate bene, ho visto che lui era dietro, sapevo di essere veloce, ho visto che recuperava ma ero fiducioso. Sono riuscito ad avere un buon vantaggio nelle ultime curve, sono rimasto sorpreso che non sia riuscito ad avvicinarsi a me, per questo non ero molto preoccupato. Nella curva 1 ho perso un po’ perchè stavo guardando negli specchietti, non frenavo così forte, la mia monoposto, magari non nella prima parte che è stata un po’ difficile fino al primo pit stop, poi è andata meglio la seconda con le soft, mi sono occupato delle gomme. La situazione in questi circuiti è questa, è difficile sorpassare, pensavo di avere un buon passo ma non c’è stato nulla da fare, eravamo molto vicini a livello di distanze “.

Passerella finale per Felipe Massa che, all’ultima gara della sua carriera in Brasile, ha salutato i suoi fan visibilmente emozionato:

ringrazio tutti i tifosi dal profondo del cuore, vi amo, mi mancherete tantissimo, vorrei ringraziarvi dal profondo del mio cuore. È bellissima la sensazione di oggi, come la sensazione che ho provato l’anno scorso qui, davanti a voi. È una giornata che non dimenticherò mai nella mia vita. Sono molto emozionato oggi, vi ringrazio per tutto quello che abbiamo passato assieme, il sostegno e l’energia. Oggi ho fatto la migliore gara che potessi fare e sono molto felice, ho fatto del mio meglio e ho tratto il meglio dalla monoposto. Ringrazio tutte le persone con cui ho lavorato e anche quelle con le quali non ho lavorato, vi voglio bene. La gara è andata benissimo sono riuscito a fare una voltata, sono riuscito a superare ed è stato importante per il risultato finale. Dopo la safety car sono riuscito a superare Alonso ed è stato molto importante per me perchè aveva una monoposto sicuramente più veloce della mia e che consumava meno gomme però sono riuscito comunque a battagliare con lui per poi finire davanti a lui e sono riuscito a superare anche Perez. È stata una gara incredibile: avevo un ritmo più basso rispetto a loro, a causa del consumo gomme, però la cosa più bella è il risultato finale, arrivare qui è stato come vincere, ci sono state vittorie che mi hanno dato meno emozioni del risultato della gara di oggi. Anche se non è stata una vittoria, in un certo senso lo è stata“.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE