pinnarello nytro
Credits: Pinnarello

Fausto Pinarello, ideatore della Nytro, spiega le caratteristiche tecniche della bici da corsa elettrica

L’azienda italiana Pinarello ha svelato la nuova bici da corsa elettrica Nytro. Questo modello segnerà una vera e propria svolta epocale per il ciclismo, perché la bicicletta sarà con i pedali assistiti e con un motore elettrico. La Nytro è stata testata sullo strappo di Cà del Poggio, salita dove Giovanni Visconti ha segnato un record pazzesco con una bicicletta tradizionale. Il velocipede elettrico è riuscito senza problemi a salire senza problemi sulle rampe venete (la pendenza di questa salita è del 20% di pendenza).  Una vera e propria impresa questa realizzata dalla bicicletta Nytro. Fausto Pinarello, amministratore delegato dell’azienda trevigiana ha spiegato quali saranno le utilità della bici da corsa Nytro:

“il concetto di base è molto semplice: i migliori panorami e la più grande passione dei ciclisti sono le montagne. Più sali e più è bello. Ma la salita è anche il maggiore ostacolo per molte persone. Così, a godere delle situazioni migliori, è solo la punta dell’iceberg di tutto il movimento turistico-amatoriale. Una bici di questo tipo, invece, è il miglior aiuto per chi, a causa di vari problemi (peso, età, poco tempo per allenarsi…) vuole godere completamente il ciclismo. Quando abbiamo iniziato la fase di progettazione. Ci siamo posti quattro obiettivi: avere lo stesso feeling di una nostra bici da strada, stabilire un nuovo standard in termini di potenza e rigidità, tenere basso il peso complessivo (bici + motore) e ridurre la resistenza dell’aria”.

La Nytro ha un telaio e forcella in carbonio T700 con geometrie identiche per accogliere il motore e accentuare l’asimmetria. Il motore Evation è prodotto dalla casa tedesca Fazua e ha una potenza nominale di 250 W (max 400) e pesa 4.7 chilogrammi con batteria compresa. I tempi di ricarica da 0 a 100 variano dalle 3 alle 4 ore. Sul manubrio c’è l’unita di controllo con ben 11 led (10 che indicano la carica della batteria e uno che eroga la potenza nel motore) e prevede ben 3 modalità che il cicloamatore può utilizzare (breeze 125 watt con supporto del 75%, river 250 watt con supporto del 150% e rocket 400 watt con supporto del 240%). Questa erogazione di potenza non stacca in pianura e di conseguenza il cicloamatore che utilizza la Nytro dovrà pedalare con le proprie gambe. I freni della bicicletta elettrica sono a disco di 160 millimetri. Il peso totale del velocipede è di 13 chili e costa 6.250 euro.