Super Pippo Inzaghi e le amare verità Milan: “esperienza da allenatore? Dico questo. Ma ringrazio…”

SportFair

Inzaghi torna sulla sua avventura da allenatore del Milan e non nasconde le difficoltà di quegli anni. Ma allo stesso tempo…

Montella
LaPresse/Spada

Uno sguardo rivolto al presente, panchina del Venezia, uno al passato, al ‘suo’ Milan. Da calciatore prima, da allenatore poi. Il momento sicuramente più difficile dell’avventura rossonera di Pippo Inzaghi. “Quando ho allenato il Milan sono stati anni difficili per tutti, però devo dire che quei mesi mi sono serviti molto e mi serviranno molto, nella mia carriera. Mi hanno convinto di poter fare questo lavoro: in una stagione complicata abbiamo tenuto il gruppo unito fino all’ultima partita e le ultime quattro  le abbiamo vinte. Mai nessun giocatore mi ha mancato di rispetto, nonostante fossi un allenatore giovane. Questo mi ha dato grande convinzione nei miei mezzi per cui, dopo,  aspettavo solo di ripartire, di poter fare quello che mi piace nel modo giusto. Quello che sta accadendo a Venezia”, le parole di Super Pippo nel corso do una lunga intervista al Corriere dello Sport. Inzaghi analizza anche il momento attuale del Milan, che sta vivendo una situazione delicata nonostante una campagna acquisti faraonica: “da fuori è difficile parlarne, io posso dire che secondo me il Milan ha fatto un’ottima campagna acquisti e c’è bisogno di un po’ di tempo per amalgamare. E’ chiaro che in Italia di tempo ce ne è sempre poco, ma mi auguro che venga concesso perché gli acquisti sono stati importanti e Montella è un ottimo allenatore. A volte, per far ripartire dei cicli, ci vuole un po’ di pazienza. Così fece la Juve all’inizio e poi vediamo cosa ha fatto in questi anni”.

Condividi