LaPresse/Federico Bernini

Livio Suppo non apprezza gli ordini di scuderia: il team principal Honda punzecchia la Ducati

La MotoGp si gode un po’ di relax in vista dell’atto finale. I tifosi non vedono l’ora di vedere i campioni delle due ruote sfrecciare in pista nell’ultimo atto della stagione 2017, quello decisivo. Marquez e Dovizioso si giocano il titolo, anche se le possibilità del ducatista di trionfare sono veramente rare: il forlivese infatti deve trionfare, sperando in una debacle dello spagnolo che non deve far meglio del 12° posto.

Fa ancora un discutere quanto accaduto a Sepang. Il team Ducati ha mandato un messaggio a Lorenzo riguardante un’inesistente mappatura 8. Il maiorchino ha poi commesso un errore in pista che ha permesso a Dovizioso di passare in testa e vincere la gara malese. In tanti parlano quindi di ordini di scuderia, e c’è chi non apprezza molto quanto accaduto: “io non so se ci sono stati ordini di scuderia o no. Quello che so è che la Honda ha sempre detto che non dà ordini di squadra. Per me, se una fabbrica ha un buon rapporto con un pilota, se il pilota sta bene con questa fabbrica , prendi in considerazione ciò che è giusto o sbagliato da fare per questa fabbrica”, ha dichiarato Livio Suppo.

E’ una grande differenza perché nella vita è bello essere liberi. Con un pilota come Jorge, che ha sofferto così tanto per ottenere la sua prima vittoria con la Ducati… È chiaro che tutto può succedere a Valencia, ma posso dire che sono contento di non dover prendere questa decisione. Quando il vantaggio è così grande, la cosa più giusta è giocare senza ordini di squadra”, ha concluso il team principal Honda.