La qualifica di Motegi non ha sorriso a Valentino Rossi, abbastanza preoccupato dalle prestazioni della sua Yamaha

Sorriso a metà, faccia un po’ tirata e un pizzico di preoccupazione che traspare dalle sue parole. Valentino Rossi non è soddisfatto del risultato delle qualifiche del Gp di Motegi, il dodicesimo posto non descrive le aspettative del Dottore, colpevole suo malgrado di un errore nella scelta degli pneumatici costatogli qualche posizione.

Valentino RossiLa Yamaha di Zarco invece partirà dalla pole, ma Rossi non crede che con la configurazione 2016 usata dal francese la sua stagione avrebbe preso una piega diversa. “Non credo perché abbiamo sofferto tanto, ma è difficile da dire. L’obiettivo era cercare di fare meglio con questa moto e purtroppo non ci siamo riusciti. La Honda e la Ducati hanno anche fatto uno step importante ed è per questo che non credo che saremmo riusciti a vincere con la moto dell’anno scorso. E’ fondamentale fare un passo avanti in chiave 2018 e che in queste senso potranno essere molto importanti le ultime gare del 2017. Ora, come ho già detto, è importante cercare di lavorare per l’anno prossimo, perché siamo un po’ in difficoltà. Secondo me dobbiamo lavorare sia sull’elettronica che sul telaio. Dobbiamo cercare di far lavorare meglio la gomma posteriore, ma per farlo ci sono un po’ di cose da mettere insieme“.