Balotelli
LaPresse/Reuters

Mario Balotelli è intervenuto a fare chiarezza sulla decisione di lasciare il rigore, durante Nizza-Marsiglia, al compagno Plea: l’attaccante italiano ha spiegato le ragioni del gesto particolare

Nizza-Marsiglia: rigore Balotelli, ecco la verità – La Francia e i calci di rigore non sembrano avere un ottimo rapporto. Se al PSG il contenzioso fra Neymar e Cavani per essere il primo rigorista ha destato grandi polemiche, in casa Nizza tiene banco un altra problematica legata ai tiri dagli 11 metri. Questa volta il protagonista è Mario Balotelli che, sul punteggio 2-4 a favore del Marsiglia, ha preferito lasciare al compagno Plea il rigore che avrebbe riaperto il match per il suo Nizza. Rigore poi sbagliato. Considerando le grandi abilità dal dischetto di “SuperMario”, la decisione ha destato grandi polemiche: tanti tifosi lo hanno chiamato ‘codardo’ per aver scaricato sul compagno tutta la responsabilità di un penalty in grado di cambiare le sorti del match.

Nizza-Marsiglia: rigore Balotelli, ecco la verità – Su Instagram Balotelli ha fatto chiarezza sull’accaduto, spiegando di non essere affatto un codardo, ma di aver voluto dare una chance ad un compagno di squadra in difficoltà. “Non ditemi che ho avuto paura di tirare un calcio di rigore. Ho tirato rigori più difficili di questo! – ha spiegato Balotelli – La mia azione era fatta per aiutare a rialzarsi un compagno in una brutta serata. Seriamente, chiunque mi abbia detto che ero spaventato non mi ha mai visto giocare a calcio. Idiota. #issanissa (coro pro Nizza, ndr) sempre, non solo quando vinciamo. Grazie“.

Rita Caridi