freuler
FREULER - LaPresse/Mauro Locatelli

Dopo 45 minuti di parità l’Atalanta travolge il Verona con un tris di reti: Freuler, Ilicic e Kurtic regalano il successo ai padroni di casa

Il Verona sbaglia, l’Atalanta no, segna e dilaga. La “Dea” vince 3-0 grazie alle reti di Freuler, Ilicic e Kurtic e continua a risalire in classifica. Per l’Hellas solo rimpianti, i classici “se” e “ma” che non portano da nessuno parte, ma il rammarico per le occasioni sprecate da Kean (17enne dal sicuro avvenire, ma ancora tutt’altro che spietato sotto porta) accompagnerà Pecchia e il suo staff a lungo. I gol in realtà sono 5, ma i primi due non sono stati convalidati dal Var (Pairetto), grande protagonista del primo tempo per aver annullato le reti di Freuler e Kean che Marinelli aveva concesso.

Tra Europa League e infrasettimanali, Gasperini decide di cambiare qualcosa nella sua Atalanta. Tra i pali c’è  Gollini, a centrocampo De Roon e Gosens, in attacco Cornelius con Gomez e Ilicic a sostegno. Nel Verona sono tante le defezioni (da Caceres a Valoti), solo panchina per Pazzini, c’è Kean centravanti con Verde, Cerci e Fares sulla trequarti. Partita subito viva con la “Dea” che ha un buon impatto con il match e che cerca di mettere alle corde l’Hellas. Dopo un tentativo di Gomez, è splendida, da attaccante vero, la girata del difensore Toloi che costringe Nicolas in angolo. Il Verona non resta a guardare, anzi, intende giocarsela alla pari e nelle ripartenze si rende pericoloso. Cerci è in condizione, salta l’uomo e confeziona assist, ma almeno in due occasioni li spreca malamente Kean. Il giovane scuola Juve è bravo a difendere palla e a far salire la squadra, ma almeno questa sera non si può dire che sia un bomber spietato. Dall’altra parte Cornelius lotta e mette in difficoltà i centrali gialloblù, poi al 33° serve la palla a Freuler per l’1-0.

L’Atalanta festeggia, ma poi arriva la doccia fredda del Var che annulla il gol per la posizione irregolare (questione di centimetri) del danese. La stessa cosa succede 5 minuti dopo, questa volta Kean, dopo un primo tentativo respinto da Gollini, devia in rete la conclusione di Verde, Marinelli concede il gol, il Var lo annulla per offside del classe 2000. Due gol non convalidati, primo tempo equilibrato che si chiude sullo 0-0.

Nella ripresa Kean ha subito la palla per sbloccare il risultato, ma Toloi è bravissimo a fermarlo. Ennesima palla gol sprecata e l’Atalanta ne approfitta. Dopo un destro largo di Ilicic, al 5° è clamoroso lo svarione di Bessa che sul pressing del Papu Gomez perde palla, Freuler capisce tutto e con un preciso piatto destro batte Nicolas. Il Verona accusa il colpo, la Dea vuole chiuderla e ci riesce al 14° con Ilicic che libera il suo sinistro dal limite che vale il 2-0. E mentre Gasperini inserisce Kurtic per Cornelius, Pecchia dà spazio a Pazzini chiamando fuori Cerci. E’ ancora Ilicic a sfiorare l’eurogol (magico ma appena largo il suo mancino) e, nonostante i cambi, per l’Hellas la svolta non arriva. Tra i veneti resterà il rammarico per quelle palle-gol sprecate da Kean, occasioni che magari il Pazzo avrebbe concretizzato. Gasperini vince anche la sua partita in ottica sostituzioni perchè è Kurtic a siglare il 3-0 su assist di Gosens. Nel finale Zaccagni, appena entrato, non riesce a siglare il gol della bandiera. Vince l’Atalanta, al secondo successo consecutivo, mentre il Verona, dopo il ko nel derby, resta a mani vuote per la seconda volta di fila. (ITALPRESS)

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE