LaPresse/Photo4

Kimi Raikkonen è tornato ad analizzare il guasto patito oggi prima del via del Gp della Malesia, svelando tutta la sua frustrazione

Un ritiro che fa male, un problema improvviso che ha escluso dalla gara uno dei suoi più attesi protagonisti. Kimi Raikkonen avrebbe senza dubbio lottato per la vittoria, viste le prestazioni mostrate dalla Ferrari nei due giorni precedenti alla gara.

LaPresse/Photo4

Non so bene cosa sia successo – le parole riportate da Tuttomotoriwebil team forse ha qualche notizia in più, ad ogni modo il risultato non cambia. All’inizio sembrava tutto ok, ma poi quando sono rientrato  in pit lane dopo il giro d’installazione ho avvertito che qualcosa non andava  a livello di batteria. A quel punto c’è stato poco da fare. Ci abbiamo provato, ma non avevamo abbastanza minuti a disposizione e inoltre ci mancava potenza, dunque abbiamo preferito fermarci. Di rado abbiamo avuto noie a livello di affidabilità, ma in questo caso ne abbiamo accusate due in due giorni.

LaPresse/Photo4

E’ stato frustrante non aver potuto terminare la corsa,  sia per me, ma anche per tutta la squadra e soprattutto non aver potuto massimizzare, però questo è stato e va accettato. Diciamo che lo stato di forma dimostrato ci dà morale per il prosieguo della stagione. Abbiamo avuto un paio di corse complesse, comunque già dalla prossima settimana potremo riscattarci. La macchina è ottima anche se è dura fare previsioni. Ogni round è a sé stante, ma quanto successo qui non influenzerà il nostro approccio”.