LaPresse/PA

Confessioni ‘pericolose’ quelle di Rafa Benitez. Lo spagnolo racconti i veri motivi del suo addio al Napoli, l’Inter e spiega il perché di quella frase che lo ha… segnato

LaPresse/PA

Le confessioni di Rafa Benitez. Lo spagnolo si racconta in una lunga intervista a Repubblica durante la quale svela i motivi che lo hanno portato a mettere fine alla sua avventura azzurra: “Napoli è simile alla Spagna, dall’architettura al modo di vivere. Mi sono sentito subito a casa. E anche in campo abbiamo lavorato bene, soprattutto durante la prima stagione. Il risultato della seconda fu compromesso da un rigore sbagliato nell’ultima sfida, che ci fece scivolare dal terzo al quinto posto. Il vero errore era stato già compiuto a monte però, sul mercato. Bastava prendere un giocatore, anzi trattenerlo. Mi riferisco al nostro portiere, che era anche il leader della squadra. Pure in questo caso i fatti mi hanno dato ragione: Reina è ritornato in maglia azzurra e sta facendo di nuovo la differenza. Sarei andato via da Napoli anche senza la chiamata del Real Madrid. Per lavorare insieme e farlo bene bisogna essere tutti convinti, al 100 per 100. Era il momento giusto per cambiare, per me e anche per la società. Il mio tempo con il Napoli era finito e sarei andato via lo stesso, a prescindere dall’offerta del Real Madrid”. Poi sull’Inter, altra squadra allenata in Italia da Benitez: “Milano l’ho vissuta meno. La ricordo come una città più dispersiva e non ho avuto quasi mai l’opportunità di girarla. Abitavo fuori e la squadra in campionato non stava facendo bene. L’Inter aveva in organico 12 giocatori oltre i trent’anni e c’era bisogno di cambiare, ma le mie richieste rimasero inascoltate da Moratti. Dopo la rivoluzione l’hanno fatta, però: quando io ero già andato via. Adesso, con i cinesi, possono lottare contro Juve e Napoli”.

LaPresse/EFE

Benitez torna poi su una frase molto forte pronunciata al momento del suo addio a calcio italiano: “Due anni e mezzo fa andai via dicendo che il calcio italiano è una merda. Fu uno sfogo di pancia, legato a un singolo episodio di campo, a Parma. I nostri avversari facevano ostruzionismo e l’arbitro era rimasto a guardare, senza tutelare il mio Napoli. Tutto qui: non si trattò di un giudizio in generale sul vostro football, di cui ho invece un grande rispetto”.