fabio aru
LaPresse/Reuters

Fabio Aru sarà uno dei protagonisti del Giro dell’Emilia, corsa valida per la Ciclismo Cup. Il sardo analizza il percorso della centesima edizione della gara italiana

LaPresse/Reuters

Fabio Aru torna a correre e lo farà con la maglia tricolore sulle spalle. Lo scalatore dell’Astana sarà di scena oggi al Giro dell’Emilia, corsa valida per la Ciclismo Cup. Il vincitore dei campionati italiani sarà uno dei pretendenti alla vittoria finale della corsa e sfiderà il suo amico Vincenzo Nibali. In questa stagione Aru ha vinto una bellissima tappa a La Planche des Belles Filles durante il Tour de France e vestito per qualche giorno anche la maglia gialla. Il sardo si è allenato in questi giorni insieme a Dario Cataldo per essere al top della forma sia al Giro dell’Emilia sia a Il Lombardia.

LaPresse/Reuters

Il capitano dell’Astana ha analizzato il percorso e visionato il Muro di San Luca, arbitro della sfida tra lui e tutti coloro che hanno intenzione di vincere la corsa italiana: “negli ultimi giorni mi sono anche divertito in allenamento. Ho provato un paio di volte il Lombardia con Cataldo e ci siamo dati delle belle battaglie in salita – ha dichiarato Fabio Aru come riportato da La Gazzetta dello Sport -. Sempre stata una corsa dura stavolta è anche più lunga. L’elenco dei partenti è di primo livello, quindi c’è da scommettere che i giri sul San Luca saranno una giostra”. 

Fabio Aru ha ammesso di conoscere bene queste zone: “a intervalli dal 2007 al 2009, quando in pratica ho iniziato la mia carriera nel cross“, ha concluso.