LaPresse/Photo4

Sebastian Vettel commenta la sua pole position sul circuito di Singapore al quattordicesimo appuntamento di Formula Uno

Vettel si sminuisce e svela il (dolce) retroscena – Il Gran Premio di Singapore, valido per il quattordicesimo appuntamento del campionato mondiale di Formula Uno, si preannuncia scoppiettante per la Ferrari ma non solo. La pole position di Sebastian Vettel mette la scuderia rossa nella migliore posizione possibile sulla griglia di partenza di domani. Dietro di lui segnano tempi fantastici le monoposto della Red Bull che fanno meglio anche di Raikkonen. Kimi infatti è in seconda fila accanto a Ricciardo e nella fila davanti a quella composta dalle frecce d’argento, che per la prima volta in questa stagione occupano insieme queste posizioni così arretrate.

LaPresse/Photo4

Vettel si sminuisce e svela il (dolce) retroscena – Il pole man di giornata, alla sua 49esima pole position ha detto ai microfoni di Sky F1 questo: “non credo che dovessimo dimostrare qualcosa, perchè il weekend era difficile, ma si cerca di sfruttare al meglio ogni giornata. Monza era ormai il passato, il weekend era partito in maniera difficile però la cosa importante è che abbiamo cambiato la macchina e l’abbiamo fatto nella giusta direzione“.

LaPresse/Photo4

Vettel si sminuisce e svela il (dolce) retroscena – Rispondendo alla domanda della giornalista Vettel stabilisce quanto sia merito suo questo risultato e quanto del team: 100% della squadra, io sono un’estensione del team. Mi considero un membro della squadra ed ho il ruolo di guidare la macchina, ci sono persone che hanno altri ruoli. Cerchiamo di fare il meglio ognuno nel nostro ruolo”. “Io sono quello che ha l’onore di parlare con te – dice alla giornalista –  ma è un lavoro di squadra soprattutto dopo un weekend come questo. Abbiamo avuto tanto sostegno da Maranello dai ragazzi che ci hanno seguito. C’è bisogno di spirito di squadra. Il capo meccanico mi ha detto prima di andare a letto ieri di sorridere perchè non stavo sorridendo, c’è bisogno di questo in un team. C’è bisogno di avare convinzione l’uno nell’atro. Abbiamo avuto la prova perfetta oggi. Loro (le monoposto Red Bull, ndr) sono molto veloci, venerdì noi abbiamo pasticciato, loro invece erano veloci, ma noi abbiamo abbastanza informazioni per la gara e lavoreremo su queste”.