LaPresse/Photo4

Secondo alcune voi, Marcin Budkowski avrebbe lasciato la Fia per andare in Renault. Una notizia che ha scosso gli altri team, dal momento che l’ex responsabile della Fia conosce i segreti di molte monoposto

La notizia delle dimissioni di Marcin Budkowski da responsabile tecnico della Fia è stata una notizia davvero sorprendente per i team del circus, rimasti sorpresi da una scelta così veloce e repentina. Lo stupore però potrebbe presto trasformarsi in paura, dal momento che secondo alcune voci l’ex dirigente della Federazione avrebbe in mente di accordarsi con la Renault, andando a lavorare a Enstone al termine di un periodo di gardening di tre mesi.

LaPresse/Photo4

Un lasso di tempo troppo breve secondo le scuderie, visto che Budkowski conosce a menadito tutti i segreti più intimi della maggior parte delle monoposto 2018. “Sarà un grosso problema se andrà in un’altra squadra – le parole di Christian Horner poniamo tutti grande fiducia sulle persone che occupano ruoli come quello di cui era responsabile Marcin. E’ stato in una posizione estremamente privilegiata, perché è stato in galleria del vento e conosce alcuni dettagli intimi delle monoposto del prossimo anno. Penso che un periodo di gardening di soli tre mesi prima di passare in un’altra squadra, sia assolutamente inappropriato per lui. Spero che non sia così e sono sicuro che ne discuteremo molto seriamente nella prossima riunione dello Strategy Group.

LaPresse/Photo4

La fiducia nella Fia è una parte importante del ruolo ed è fondamentale che le squadre abbiano fiducia nella Federazione, per quanto riguarda la discussione del loro know-how tecnico e dei loro segreti. Parliamo di investimenti di milioni di euro, quindi le informazioni che riveliamo dovrebbero essere confidenziali e non dovrebbe esserci il rischio che possano finire nella mani di una squadra rivale“. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Vasseur, team principal della Sauber: “dobbiamo sapere dove andrà Marcin, ma è un grosso problema. La FIA è pienamente consapevole di tutti i dettagli dei progetti delle squadre e se non possiamo essere aperti con loro si viene a creare una situazione difficile: è importante sapere dove andrà Marcin“.

 

LaPresse/Photo4

Favorevole anche Toto Wolff: “personalmente auguro a Marcin ogni bene per la sua carriera, ma dobbiamo guardare meglio ai tempi del suo gardening. Dobbiamo essere trasparenti con la FIA e dargli accesso al nostro lavoro. Però se vogliono la nostra fiducia è importante che ci sia una certa stabilità e che sia chiaro quanto tempo deve passare prima che un membro della Federazione possa andare a lavorare per una squadra“. La soluzione sembra darla Otmar Szafnauer, COO della Force India: “sarebbe meglio sapere il periodo di gardenin.g Tre mesi non credo che siano un periodo abbastanza lungo. Se lo avessimo saputo anche noi, forse lo avremmo assunto! Ma tre mesi non è assolutamente abbastanza. Penso che un anno sarebbe un periodo abbastanza lungo per fare in modo che gli aspetti tecnici di cui è a conoscenza siano abbastanza obsoleti. Alla fine le regole che ci proibiscono di vendere le nostre monoposto sono lì esattamente per la stessa ragione“.