A tutto Barzagli: “Juventus senza BBBC? Dico questo. E su Dybala..”

SportFair

Barzagli parla della ‘nuova’ Juventus: dalla BBBC al futuro di Dybala, queste le parole del difensore bianconero

LaPresse/Daniele Badolato

Juventus, parla Barzagli – E’ andato via Bonucci, capita che per un motivo o per un altro Buffon, Chiellini e Barzagli manchino, ma la Juventus continua a dettare legge in campionato. Tre partite, dieci gol fatti e due subiti (un autogol e un rigore), la Signora resta solida. “Era inevitabile che prima o poi si giocasse senza nessuno di noi – spiega Andrea Barzagli ai microfoni di Mediaset e Sky Sport -. La cosa importante però è che non sia cambiato il risultato: non abbiamo subito gol e abbiamo vinto. E’ stato un buon inizio di campionato, in cui abbiamo risposto bene alla delusione patita in Supercoppa (ko con la Lazio, ndr). Anche quella di ieri non era una partita semplice, perché arrivava dopo la sosta per le Nazionali, ma siamo partiti decisi e convinti. Ci voleva un inizio del genere”.

LaPresse/Fabio Ferrari

Juventus, parla Barzagli – E martedì sarà già Champions League e per di più contro una grande, una vecchia avversaria come il Barcellona. “Una partita di grande fascino – sottolinea il difensore – Rispetto a cinque mesi fa, cambia la posta in palio: allora era un quarto di finale, oggi si gioca per tre punti importanti per la fase a gironi. Servirà una partita tosta, per far vedere a tutti che anche quest’anno vogliamo andare avanti. La Champions è sempre un “bel pallino”, ma credo che noi si debba puntare come prima cosa al campionato. Facendo bene lì, il resto viene da sé”.

LaPresse/Daniele Badolato

Juventus, parla Barzagli – Rispetto alla scorsa stagione tra gli azulgrana non ci sarà Neymar che ha scelto il Psg, mentre la Juve avrà un Dybala sempre piu’ stella di prima grandezza. “Anche senza il brasiliano il Barcellona rimane una delle squadre piu’ forti del mondo e ci sono tanti altri campioni da tenere d’occhio – spiega Barzagli -. Paulo ha voglia di arrivare in alto e questo oltre a farci piacere ci dà una grande mano. Il punto e’ proprio questo: dove può arrivare? Ha ancora margini di miglioramento ampi e ce lo dimostra ogni anno. Sì, come dice Allegri, lui e Neymar sono il futuro del calcio“. (ITALPRESS).