LaPresse/EFE

Vincenzo Nibali impressionato dalla forma fisica di Chris Froome. Il messinese analizza la prestazione del corridore del team Sky

L’ottava tappa della Vuelta di Spagna ha regalato emozioni in cima a Xorret de Catì. La vittoria è andata a Julian Alaphilippe davanti a Jan Polanc e Rafal Majka, ma lo spettacolo è stato dietro. Chris Froome e Alberto Contador si sono affrontati lealmente staccando tutti i big di 17″ mentre Van Garderen crolla e perde ben 28″ dalla coppia.

Vincenzo Nibali ha raccontato la sua prestazione realizzata nell’ultima salita della tappa: “le sensazioni sono buone. Anzi, molto buone. Però i fuorigiri di Froome sono difficili da tenere. Si parla di… i valori sul campo sono altissimi. Anzi i più alti di sempre. Questa era una salita diversa dalle altre. Qui la pendenza è continua, molto più adatta alle mie caratteristiche – ha dichiarato il ciclista della Bahran Merida come riportato da La Gazzetta dello Sport -. L’altro giorno ho sofferto di più. Qui ho pensato a difendermi il meglio possibile. Mi è mancato solo un pizzico per essere lì. Difficile da dire. Le sensazioni sono buone”.

Vincenzo Nibali ha analizzato i dati della Vuelta di Spagna e li ha confrontati con quelli del Tour de France: “sono i più alti di sempre. Si va anche più forte del Tour. I valori di scalata sono chiari – ha concluso -. Puntiamo le salite con un ritmo altissimo e non si cala mai, anzi si accelera”.