LaPresse/EFE

Froome loda le capacità del suo compagno di squadra Gianni Moscon e dell’eterno  Contador. I due hanno scollinato insieme al britannico nell’ultima salita della quinta tappa della Vuelta di Spagna

LaPresse/EFE

Chris Froome ha dato forza della sue grandi abilità sulla salita di Ermita de Santa Lucia, ultima salita della quinta tappa della Vuelta di Spagna. Il ciclista del Team Sky, supportato da uno straordinario Gianni Moscon, ha impartito una lezione ai suoi avversari: Fabio Aru, Vincenzo Nibali, Esteban Chaves e Romain Bardet sono giunti attardati e l’unico a resistere alla ‘frullata’ è stato Alberto Contador. Una prestazione importante per il corridore del Team Sky che ha incrementato il suo vantaggio in classifica generale. Il britannico ha ‘vinto’ sul gruppo dei migliori e adesso può continuare a godersi la maglia rossa. La forma fisica di Chris Froome è ottima e secondo il manager del team britannico. Nico Portal, il ciclista è in grado di vincere questa Vuelta di Spagna. 

Ma oltre Chris Froome ci sono stati altri due ciclisti che hanno realizzato una splendida prestazione: Gianni Moscon e Alberto Contador. Il giovane italiano ha frantumato il gruppo dei migliori mentre lo spagnolo è tornato lucido e senza alcun problema fisico. Froome ha analizzato la loro prestazione: “dopo Andorra un altro lavoro straordinario, è impressionante quanto vada forte. Sulla penultima salita abbiamo lasciato andare la fuga perché la mia maglia non è mai stata in pericolo. Però mi sorprende che le altre squadre interessate alla classifica non abbiano collaborato nell’inseguimento. – ha dichiarato il leader della classifica della Vuelta di Spagna come riportato dalla Gazzetta dello Sport -. Alberto non si arrende mai, lotterà fino alla fine. Ha sofferto ad Andorra, ma qui è andato forte. Ha dimostrato una volta in più il suo carattere, la sua tenacia”.