davide cassani
Daniele Leone/LaPresse

Davide Cassani, CT della Nazionale, analizza la prestazione di Matteo Trentin realizzata nella decima tappa della Vuelta di Spagna

LaPresse/Piero Cruciatti

La bella vittoria di Matteo Trentin fa sorridere Davide Cassani. Il CT della Nazionale è giunto ieri ad Alicante per visionare da vicino gli azzurri in gara alla Vuelta di SpagnaTrentin, Moscon, Nibali, Aru, Puccio, Oss, Caruso e De Marchi sono i corridori che stanno correndo la corsa iberica e cercando di regalare vittorie all’Italia. Matteo Trentin ieri ha vinto la sua seconda tappa mentre Nibali ne ha vinta una. Buone le prestazioni di Gianni Moscon che sta lavorando alla grande per Chris Froome mentre Fabio Aru è in buona posizione in classifica. Daniel Oss vuole vincere la maglia iridata a cronometro (la BMC grazie alle sue prestazioni ha vinto la cronosquadre) e Damiano Caruso sta cercando di aiutare Tejay Van Garderen a rimanere a contatto coi big. Alessandro De Marchi ieri ha realizzato una buona tappa alla Vuelta di Spagna mentre Salvatore Puccio è sempre vicino a Chris Froome. .

Ma tra questi corridori bisogna inserire anche le ottime abilità di Elia Viviani. Il ciclista del Team Sky sta vincendo molte gare importanti e si sta allenando in vista del Tour of Britain per convincere Cassani a dargli una possibilità per il mondiale. Sul velocista del Team Sky, Davide Cassani ha parole di profondo rispetto: “Viviani ha fatto un grande passo avanti, un salto di qualità. Ma il merito è anche nostro perché la collaborazione tra Federazione e Sky è stata molto importante”, ha dichiarato il CT come riportato da La Gazzetta dello Sport.

Dopo la vittoria di Matteo TrentinElPozo Alimentacion, Davide Cassani ha un sorriso pazzesco. Il CT ha commentato il trionfo del corridore della Quick Step Floors:è una conferma che Trentin non vince solo in volata, ma anche al termine di una fuga con un gpm di prima categoria nel finale e una corsa a 46 di media. Una fuga cercata e voluta dopo le prime due ore a una velocità pazzesca – ha proseguito -.  Mi hanno sorpreso, semmai, la facilità di pedalata in salita, la sicurezza in discesa e la padronanza in volata, perché Rojas allo sprint non è un pellegrino”.

 

Davide Cassani ha analizzato la possibile convivenza tra Trentin e Viviani:sono leggermente diversi. Trentin l’ha dimostrato qui, anche in fuga si trova a proprio agio. È migliorato tantissimo. Viviani è più velocista – ha concluso – Diciamo che abbiamo tre corridori, perché c’è anche Colbrelli, che sono tutti leggermente diversi e non può che farmi piacere la loro condizione attuale. Tra di loro c’è un ottimo rapporto. Nessun problema di coesistenza. Anzi, c’è stima”.