PH TWITTER

Il sindaco di Milano Beppe Sala parla della sua idea di nuovo San Siro e lancia un appello chiaro a Milan e Inter

Fassone
LaPresse/Spada

Milan-Inter, il nuovo San Siro – “Siamo sulla buona strada, ma perché Inter e Milan tornino a vincere la Champions League ci vorranno anni di lavoro. Dobbiamo costruire qualcosa e faccio un appello ai tifosi perché si uniscano a me nella battaglia per rinnovare lo stadio come casa per due. Sarebbe un modello nuovo, unico per le grandi squadre, ma Milano è un unicum per molti versi e per molti versi è all’avanguardia. Lo dico senza arroganza”, parla così in un’intervista alla Gazzetta dello Sport il Sindaco di Milano Beppe Sala. Che poi si sofferma sulla sua idea di ‘nuovo’ San Siro:capisco che ormai nella testa di tutti funzioni l’equazione ‘stadio di proprietà uguale successi’, ma Milano può offrire un modello diverso. La Juve ha fatto il suo stadio perché ha avuto una serie di situazioni difficilmente ripetibili, nel contesto economico attuale è difficile pensare di costruire stadi nuovi. In più, i milanesi sono affezionati a San Siro, uno degli stadi più belli del mondo. Ho incontrato più volte l’Inter che mi pare disponibile a un progetto con lounge separate, ingressi diversi per i due club, aree dedicate. Con il Milan finora ci siamo visti una sola volta”.

LaPresse/Simone Bergamaschi

Milan-Inter, il nuovo San Siro –Il Comune è disponibile anche a sviluppare sulle aree vicine allo stadio progetti legati a sport e intrattenimento. La gente che va a Madrid va a visitare il Bernabeu: bisogna far capire che, allo stesso modo, San Siro è una risorsa importante per Milano. Potremmo sviluppare un museo più grande di quello che c’è adesso, che ha già tanti visitatori. Se mettiamo insieme Milan e Inter abbiamo un palmares senza eguali al mondo. La città sta facendo numeri record nel turismo e i turisti che vengono a Milano sono diversi da quelli che visitano Roma, Venezia o Firenze. Intanto spendono di più. E poi i turisti hanno passioni che si portano dietro: il calcio è una passione universale, quindi l’importanza di sviluppare questo capitolo è enorme. Non mollerò. Al rientro dalle vacanze convocherò le dirigenze di Inter e Milan per parlare dello stadio. Bisogna essere realisti, ora Inter e Milan sono lontane dal livello del Real Madrid. Ma è stata una serata bella che ha giovato alla reputazione della città. Su questo dobbiamo lavorare. E’ andata bene la finale, come Expo, anche sul piano della sicurezza. A Ferragosto mi sono fatto quattro passi in piazza Duomo e ho visto tanta gente: le barriere in Galleria non piacciono a nessuno, nemmeno a me, ma la gente si sente più sicura“, ha proseguito Sala.