LaPresse/Alessandro La Rocca

Valentino Rossi non si monta la testa dopo il secondo posto di oggi nelle qualifiche del Gp della Gran Bretagna

Ancora una pole position per Marc Marquez. Il campione del mondo in carica è stato il più veloce nelle qualifiche di oggi pomeriggio a Silverstone e partirà dalla prima postazione in griglia di partenza domani al Gran Premio della Gran Bretagna. Subito dietro il campione di Cervera un eccellente Valentino Rossi e un carico Cal Crutchlow.

LaPresse/PA

Il campione di Tavullia ha ammesso di essere un po’ preoccupato in vista della gara di domani, nonostante il secondo posto di oggi: “il settore 4 è sempre un posto in cui iniziamo ad avere problemi, c’è molto spinning ed è difficile arrivare alla velocità ottimale, considerando ieri siamo partiti da un buon livello, siamo riusciti a migliorare, il feeling in alcuni punti però era peggio rispetto a ieri, speriamo che il tempo rimanga così, che ci saranno buone condizioni atmosferiche“, ha dichiarato in conferenza stampa.

LaPresse/PA

Mi sono divertito molto, ho migliorato il mio tempo, sono stato sorpreso da questo risultato perchè ho avuto problemi oggi, vediamo se riusciamo a migliorare e lavorare sul decadimento gomme, penso che domani la seconda parte della gara sarà difficile, spero di fare uno step in più“, ha aggiunto Rossi prima di commentare il traguardo che raggiungerà domani, ovvero quello di 300 gran premi nella categoria regina: “è un grande numero è importante anche per questo arrivare sul podio domani“.

LaPresse/PA

Ogni anno è sempre un po’ più difficile, cerchi di allenarti di più, di essere più pronto e di arrivare agli stessi risultati la domenica, guidare una MotoGp è impegnativo, sicuramente dal punto di vista fisico, ma ci sono anche tanti altri fattori che contano, e dipende dalla gara, non mi sento peggio rispetto ad altri circuiti, per me dipende più dall’assetto della moto, dal feeling e dall’adrenalina“, ha continuato.

LaPresse/EFE

Il giro viene anche da ieri, perché mi ero trovato molto bene con la moto e con la pista. Riuscivo a guidare bene e avevo preso tutti i miei riferimenti. Oggi invece siamo stati più in difficoltà e abbiamo provato delle cose che non mi sono piaciute, però all’ultimo giro mi sono detto che ci dovevo provare ed è venuto fuori un gran giro. Sono contento, però è stato un po’ un coniglio tirato fuori dal cilindro, perché per le mie performance di oggi mi aspettavo di stare più indietro. Sinceramente sono un po’ preoccupato per domani perché, come sempre, perdiamo tanto dopo un po’ di giri. L’usura della gomma posteriore è troppa, quindi anche con la gomma più dura la moto diventa più difficile da guidare e dopo un po’ di giri rallento tanto, perché ho troppo spinning. Non sarà una gara facile“, ha affermato il Dottore, come riportato da Motorsport.com.

LaPresse/EXPA

Penso che Marquez e Crutchlow abbiano un altro passo, perché riescono a girare in 2’01” anche con la gomma da gara. Dietro però c’è un bel gruppetto in cui ci sono io, Vinales, Lorenzo, Dovizioso e Zarco. Ma penso che al massimo posso stare con loro se va tutto bene, perché abbiamo ancora un po’ di ore per lavorare. Domani mattina proveremo qualcosa di diverso nel warm-up e credo che sarà molto importante la scelta sia della gomma dietro che di quella davanti”, ha aggiunto Rossi.

LaPresse/PA

Warm up posticipato a causa del cambio d’orario della gara di domani pomeriggio a causa della concomitanza con la F1: “intanto è molto meglio perché dormo un’ora in più e questo mi cambia totalmente la giornata. Poi è un orario in cui già la temperatura potrebbe essere più alta e simile a quella della gara. Bisogna cercare intanto di metterci una pezza, perché sicuramente gli altri hanno lavorato un pochino meglio“, ha concluso.