LaPresse/Alessandro La Rocca

Le sensazioni di Valentino Rossi al termine della giornata di test di Brno, chiusa col miglior tempo

Giornata importante per la Yamaha a Brno. Il team di Iwata ha portato grosse novità da provare nella giornata di test disputata oggi dopo il Gp della Repubblica Ceca andato in scena ieri e vinto d’astuzia da Marc Marquez. Una sessione di test, quella di oggi, quasi sempre dominata dai piloti Yamaha, e chiusa proprio con uno strepitoso Valentino Rossi in testa.

Una nuova carena per il Dottore, che il campione di Tavullia ha commentato così: “dobbiamo vedere se la omologheremo, però si potrebbe usare anche in Austria. E’ simile a quella della KTM, ma la nostra è molto più bella. A me piace perché sembra un po’ la moto di Goldrake“, ha dichiarato Rossi, come riportato da Motorsport.com.

In velocità di punta si perde qualcosina, quindi non credo che sia ideale per l’Austria. Però aiuta ad impennare meno, quindi la moto diventa anche un po’ più facile da guidare, perché hai più contatto con la gomma anteriore. Dunque, può essere una buona opzione per le altre piste“, ha aggiunto il Dottore.

LaPresse/EFE

Già in questa gara avevamo un piano, ma abbiamo avuto un problema di comunicazione. Abbiamo fatto delle modifiche e spero che la prossima volta possa andare meglio. Rivedendo la gara, sembra che Marquez andasse molto piano. Non so se lo abbia fatto di proposito, ma non non mi stupirebbe se lo avesse fatto, vista la volpe che è. Gli altri invece sono stati fortunati perché è rientrato Lorenzo e gli sono andati tutti dietro, quindi ho sbagliato solo di un giro. Speriamo di fare meglio la prossima volta. Per me in questo caso avrebbe avuto senso aspettare dieci minuti per far partire la gara, perché avrebbe reso tutto più semplice per tutti quanti: la pista si sarebbe asciugata e saremmo partiti tutti con le gomme slick, facendo una gara normale“, ha aggiunto il campione di Tavullia prima di scherzare sul tempo passato dall’ultima volta in cui ha chiuso davanti a tutti una sessione di test: “stiamo cercando di capirlo, pensiamo l’ultima volta sia stata nel 2008 ma non ne siamo sicuri”, si legge su GpOne.com.

Avevo un po’ di cose da provare, dettagli, ma mi hanno aiutato a migliorare. Come le forcelle con gli steli in carbonio, che rendono la moto più leggera nei cambi di direzione. Alla fine dei conti, stiamo riuscendo a risolvere i problemi di entrata in curva di cui avevamo sofferto a inizio stagione. Sono stato competitivo oggi come in tutto il fine settimana, poi negli ultimi 5 minuti era rimasta quella gomma morbida e ho fatto una specie di qualifiche”, ha concluso.