LaPresse/Jurek Kralkowski

Giovanni Malagò estasiato dai recenti successi motoristici: Ferrari, Ducati, Dovizioso e Rossi emozionano il presidente del Coni

C’è una storia di dedizione, ricerca, professionalità, competenza, ingegneria sia a Maranello che a Borgo Panigale. Bisogna riconoscere che sono proprio bravi, anche per essere riusciti a raggiungere questi risultati dopo anni complessi dove ci sono stati più sconfitte che vittorie. Alla fine quieto tipo di impegno ha premiato. Bisogna essere molto orgogliosi. Bisogna riconoscere che siamo i più bravi“. Con queste parole, a margine della presentazione del Gran Premio d’Italia di Formula 1, il presidente del Coni Giovanni Malagò ha voluto esaltare il buon momento di Ferrari e Ducati, aziende italiane in testa sia al Motomondiale che nel circus della velocità.

LaPresse/Photo4

La Ferrari è bellissima, molto competitiva, in settimana si festeggiano anche i suoi 70 anni. C’è una grande aspettativa. Siamo molto felici ed orgogliosi di avere la Ferrari in cima alla classifica e anche la Ducati con un pilota italiano, senza però dimenticare il grande Valentino“. A proposito della Ferrari, Malagò ha spiegato che “sta andando al di la delle piu’ ottimistiche previsioni. Sono stati super bravi, hanno lavorato in un modo eccezionale. Complimenti al lavoro fatto dalla scuderia. Sarebbe bello festeggiare questi 70 anni qui a Monza nella patria della formula 1. A Spa hanno dimostrato super competitivita’ ed equilibrio. Vediamo cosa succede a Monza, che come la Formula 1 e’ una vetrina e un orgoglio dell’automobile e del sistema Paese. Una storia che va avanti e una tradizione che cresce“.

LaPresse/PA

Positivo il giudizio di Malagò anche su Dovizioso e la sua Ducati: “Mi sono emozionato della vittoria di Dovizioso. Fino a tre giri dalla fine anche Valentino aveva fatto una gara perfetta. Dovizioso non finisce di stupirci per la testa oltre che per la grinta e chapeau per questa Ducati“. (ITALPRESS).