virginia elena carta

Grazie ad un ottimo secondo giro che l’ha portata dal 78° al 20° posto, Virginia Elena Carta si giocherà adesso la possibilità di vincere l’US Womens Amateur

Nell’US  Womens Amateur Virginia Elena Carta, con un ottimo secondo giro in 69 (-3) colpi, è salita dal 78° al 20° posto con 145 (76 69, +1) nella qualificazione su 36 buche medal e ha avuto accesso tra le 64 concorrenti che si contenderanno il titolo nella fase match play del major femminile per dilettanti.

Sul percorso del San Diego Golf Club (par 72),a Chula Vista in California, ha ottenuto il numero uno sul tabellone la francese Shannon Aubert (135 – 69 66, -9) con largo margine sulla neozelandese Julianne Alvarez (139, -5). Sulla loro scia le californiane Haley Moore e Stephanie Lau (140, -4), la georgiana Bailey Tardy e l’inglese Alice Hewson (141, -3). All’11° posto con 143 (-1) tre delle giocatrici più gettonate alla vigilia, la svizzera Albane Valenzuela, la texana Kristen Gillman, vincitrice della gara nel 2014, e l’hawaiana Mariel Galdiano, mentre è scivolata dal 18° al 31° con 147 (+3) la transalpina Agathe Laisne, campionessa d’Europa.

Virginia Elena Carta, seguita in campo dall’allenatore Roberto Zappa, è partita molto decisa e ha posto le basi per la rimonta con due birdie sulla prima metà del tracciato. Frenata da un bogey alla buca 11 ha poi completato la rincorsa con altri due birdie nel finale. Nel primo incontro l’azzurra affronterà la francese Pauline Roussin-Bouchard, 44ª in qualifica (148, +4). I match play si svolgeranno sulla distanza di 18 buche con la finale su 36.

Virginia Elena Carta, anche lei tra le favorite, lo scorso anno si è classificata seconda superata in finale per 1 up dalla coreana Eun Jeong Seong, sfiorando l’impresa che era riuscita invece a Silvia Cavalleri, vincitrice nel 1996.