LaPresse/Photo4

Finite le qualifiche per il Gp del Belgio, Lewis Hamilton ha conquistato la 68ª pole della carriera fra le lacrime. Vettel dopo un giro clamoroso è contettissimo di aver superato un Bottas pronto a vendicarsi

Sfrecciano le monoposto sul circuito del Gb di Belgio e le emozioni la fanno da padrone. Un finale scoppiettante quelle delle qualifiche che sottolinenao, ancora una volta, il talento di Lewis Hamilton. Il pilota britannico ha raggiunto le 68 pole in carriera, come Shcumacher, ricevendo un dolce messaggio di congratulazioni da parte della famiglia dell’ex pilota della Ferrari.

Hamilton, fra le lacrime, ha commentato così il record appena raggiunto: “voglio ringraziare tutti i fans che sono qui, non posso credere a ciò che ho appena fatto. Voglio ringrazie anche il mio team perchè Russ Brown è stato una delle ragioni principali per le quali sono arrivato in questo team , il successo che sto avendo qui lo devo anche a lui. Tutto il team ha fatto un lavoro fantastico e anche Valtteri è stato bravissimo. Essere qui insieme alle Ferrari è una sensazione fantastica. Arrivare qui, in uno dei miei ciruiti preferiti, e fare un giro come quello è davvero un sogno. Ho il miglior lavoro al mondo e sono felice di essere qui. Dopo il messaggio di ringraziamento dei familiari di Schumacher non posso far altro che ringraziarli e pregare, come faccio sempre, per Michael e per la sua famiglia. Ho avuto il privilegio di correre con lui, dai giorni del karting fino alla F1 e l’ho sempre ammirato e continuo a farlo oggi ed essere lassù con lui ora, riguardo le pole, è incredibile. Lui sarà sempre il più grande di tutti i tempi“.

Al secondo posto si è piazzato un Sebastian Vettel raggiante che, grazie ad un ultimo giro strepitoso, ha superato Bottas. “Si è stato il momento giusto. – ha spiegato Vettel in merito al suo giro – Siamo pariti bene già dalle Q1, ma nel settore 2 ho avuto dei problemi nelle curve a velocità medie, mancava la risposta della macchina. Poi comunque è stata più leggere, l’ho sentita fin da subito dalla curva 1. Ho avuto anche fortuna con Kimi che mi ha dato la scia e ho superato Valterry. Sono contento e guardiamo alla gara con ottimismo. Sono fiducioso, le cose sono andate abbastanza bene, non so se riusciremo a tenere questo passo però ho sempre creduto per questo weekend che il giro secco sarebbe stato più difficile metterlo insieme però con alto carico di carburante siamo andati bene, sicuramente le Mercedes saranno molto veloci, ma non dobbiamo nasconderci: abbiamo velocità e dobbiamo affrontare al meglio la gara!“.

Infine Bottas, forse il più scontento dei tre, finito dietro Vettel quando ormai sembrava sicuro della sua seconda posizione. “Si sicuramente sarebbe stato bello fare la doppietta Mercedes – ha spiegato Bottas – ma non è male partire dal 3° posto. Miravo alla pole ma Lewis ha fatto un lavoro perfetto, mentre io ho faticato e non sono riuscito ad avvicinarmi, dobbiamo capire perchè. Voglio concentrami su domani. Voglio un’altra vittoria domani, è la mia missione. Come team è importante ottenere un risultato buono, io farò il possibile, non mi interessa di quello che pensano gli altri di Vettel e Lewis, io farò il mio lavoro cercando di migliorare ulteriormente“.