LaPresse/Fabio Ferrari

La Cannondale Drapac rischia seriamente di scomparire dal mondo delle due ruote. Ecco le ipotesi di “ciclismo mercato” per gli uomini in verde

L’annuncio della possibile chiusura della Cannondale Draprac in questa stagione ha allertato molte squadre di ciclismo WorldTour e Professional. Se così sarà molti corridori saranno senza contratto e in cerca di team per poter gareggiare nella prossima stagione. Ecco le ipotesi di trasferimento per alcuni corridori della Cannondale Drapac:

Dylan van Baarle è un ciclista adatto nelle classiche. In questa stagione ha chiuso in quarta posizione il Giro delle Fiandre e in 20ª la Parigi-Roubaix. Le sue caratteristiche possono servire alla Movistar o alla Trek Segafredo.

Nathan Brown può essere un buon gregario per alcune squadre. Ha vestito la maglia a pois rossa per un paio di giorni. Il ciclista può essere capitano in alcune corse di un giorno o di sette. Potrebbe essere un buon innesto per la NIPPO Vini Fantini, Dimension Data o Ag2R La Mondiale.

Simon Clarke è un buon pistard. In carriera vanta un Gran Premio Industria e Artigianato. Per la Lotto Soudal o per la FDJ potrebbe essere un buon innesto.

Joseph Dombrowski è uno degli elementi di spicco della Cannondale Drapac. Lo statunitense ha esperienza (corso nel team Sky prima di approdare nel team verde), continuità e buone abilità. Può essere il sostituto adatto di Bernal all’Androni Sidermec oppure alla Bora Hangrohe per aiutare Majka.

Sebastian Langeveld è uno specialista nelle classiche anche se non ha mai vinto. Può essere molto utile come apri pista nelle volate conclusive. La Quick Step Floors potrebbe farci un pensierino.

Taylor Phinney è un pistard molto duttile. Pluricampione americano nelle cronometro e molto forte anche nelle volate di gruppo. La BMC potrebbe riprendersi questo valido ciclista.

Pierre Rolland è un buon passista\scalatore. Il francese ha grandi doti in montagna e al Giro d’Italia di quest’anno ha vinto una tappa. È un prospetto adatto per l’Astana o per la Katusha Alpecin.

Andrew Talansky è uno scalatore molto veloce. Il ‘Pitbull’ in questa stagione ha corso un buon Giro d’Italia e può essere impiegato come buon gregario. L’Ag2R La Mondiale può pensare a lui come sostituto di Domenico Pozzovivo.

Rigoberto Uran è la stella della Cannondale Drapac. Il colombiano è tornato ad essere competitivo in questa stagione grazie alla bella prestazione al Tour de France (secondo posto e una vittoria di tappa). Uran ha esperienza, buona capacità di controllo gara e ottima attitudine al comando. L’Astana potrebbe essere adatta per lui ma anche alla Sunweb, LottoNL Jumbo e NIPPO Vini Fantini.