Wallabies, la startup italiana avrà uno spazio all’interno degli ultimi tre giorni di mercato: tra workshop e incontri, la possibilità di provare il software

Dal 29 al 31 agosto l’Hotel Melià di Milano sarà il centro assoluto del calciomercato: tre giorni intensissimi di trattative e contrattazioni, con tutti i maggiori operatori di mercato, tra agenti, procuratori e direttori sportivi, riuniti in un unico luogo. Sarà l’occasione per gli ultimi acquisti, e sarà l’occasione per scoprire più da vicino un mondo in continua evoluzione. Per questo Wallabies, la rivoluzionaria startup italiana di consulenza nel settore sportivo, sarà assoluta protagonista con una serie di workshop dedicati all’intelligenza artificiale applicata al calcio. Per tutti, ci sarà la possibilità di provare il software, ormai ribattezzato “osservatore robotico”: uno strumento potentissimo di analisi dei dati e delle statistiche dei calciatori, in grado di trovare per ogni atleta il proprio comparabile più simile in termini di valore di mercato, numeri e prestazioni.

Un’occasione davvero unica, impreziosita da una curiosa iniziativa collaterale: mercoledì 30 agosto, infatti, andrà in scena la supersfida tra uomo e macchina, che si affronteranno su un campo particolarmente complesso: il calcio. Due algoritmi intelligenti in grado di assegnare voti ai calciatori, uno progettato proprio da Wallabies e l’altro da un gruppo di ricercatori di CNR e Università di Pisa, tenteranno di camuffarsi da umani sfidando le persone a distinguere tra i voti “artificiali” e i voti umani assegnati da Gazzetta dello Sport, Corriere dello Sport e Tuttosport. Così, dopo la seconda giornata di serie A in programma il 26 e 27 agosto, verrà stilata una tabella con tutti i voti, e toccherà agli addetti ai lavori del calciomercato indovinare quali di questi saranno stati dati dai giornalisti delle tre testate sopra citate, e quali invece saranno il frutto dell’intelligenza artificiale di Wallabies e del CNR.

Fondata a Milano da Luigi Libroia, Federico Romano e Marco Englaro, con il supporto di un team di matematici, Wallabies si sostanzia nella creazione e nello sviluppo di sistemi e algoritmi che permettono di analizzare enormi quantità di dati in breve tempo. La forza di tali algoritmi si distingue nella loro capacità di auto-perfezionamento all’aumentare dei dati storici e sono noti come “Machine Learning Algorithm”. Wallabies estrapola, gestisce e processa migliaia di informazioni calcistiche e variabili tecniche relative ad ogni singolo calciatore, al fine di trovare i calciatori comparabili, il loro valore di mercato, il loro ranking e predire le loro performance sportive future. Così, sarà più facile trovare il sostituto più adatto di un calciatore che lascia una squadra, e aggiudicarselo a prezzo più vantaggioso garantendosi le stesse performance dei giocatori già affermati. Insomma, una vera e propria ‘banca dei campioni del futuro’. Appuntamento dal 29 al 31 agosto all’Hotel Melià di Milano.