Tour de France: Vinokourov e Martinelli analizzano la prestazione di Fabio Aru

SportFair

Alexander Vinokourov e Giuseppe Martinelli analizzano la prestazione di Fabio Aru. Il ciclista dell’Astana si è staccato nell’ultima salita de Tour de France

LaPresse/Reuters

La diciassettesima tappa del Tour de France non è andata come prefissato dall’Astana. La squadra kazaka pilotata da Fabio Aru ha perso contato dai big e oggi sul Colle dell’Izoard deve dire la sua. Una tappa questa di oggi che è al limite delle possibilità a causa delle pendenze e dell’altitudine. Una frazione che può determinare il vincitore del Tour de France (cronometro di Marsiglia permettendo) e il leader della maglia a pois indossata caparbiamente da Warren Barguil della Sunweb.

Giuseppe Martinelli ha analizzato la tappa di ieri: “quando sono cominciati gli scatti, non è che Fabio sia andato in acido lattico. È come se gli fosse mancato il fiato, l’ossigeno. E ha pagato. Ci abbiamo pensato e non abbiamo ricordato molte altre volte in cui si sia trovato in gara ad una altitudine come quella del Galibier – ha dichiarato il DS dell’Astana – Da tempo non viveva questa situazione ed è un attimo: ti mancano un po’ di zuccheri, un po’ di freschezza e ti stacchi”.

Alexander Vinokourov crede però nel miracolo di Fabio Aru e ha svelato: “io conosco bene il carattere di Fabio. Sarà ancora più motivato per l’Izoard – ha dichiarato il Team Manager dell’Astana -. La maglia gialla è diventata molto difficile, ma per il podio è ancora in lotta, e anche per vincere un’altra tappa”