Carlo Pernat

Carlo Pernat ne ha per tutti: il manager ligure analizza gli errori delle Case motociclistiche dopo il Gp di Germania

Marquez inarrestabile al Sachsenring: il campione del mondo in carica ha trionfato al Gp di Germania per l’ottava volta consecutiva, lasciandosi alle spalle un sorprendente Jonas Folger e Dani Pedrosa. Yamaha in difficoltà nel weekend tedesco, ma tutto sommato con un risultato finale soddisfacente: Maverick Vinales e Valentino Rossi hanno infatti chiuso la corsa rispettivamente al quarto e quinto posto.

LaPresse/EXPA

“Questa volta vado controcorrente, parlando del festival degli errori. Il primo è quello della Yamaha nel non aver dato ascolto a Valentino riguardo il telaio, in questa prima parte di stagione abbiamo visto piloti come Zarco e Folger precedere gli ufficiali, togliendo punti importanti. Il secondo riguarda invece Ducati in Germania la moto 2016 di Bautista è arrivata davanti a quella del Dovi. C’è poi un altro errore che potrebbe essere la scelta di Lorenzo, una decisione che potrebbe minare l’ambiente sul lungo periodoquesto il parere di Carlo Pernat come dichiarato ai microfoni di GpOne.com

L’innesto in squadra di Lorenzo ha però fortificato Dovizioso, adesso è lui la  prima guida e ha tutte le carte per giocarsi il titolo Mondiale”, ha aggiunto il manager ligure prima di aprire una piccola parentesi sulla Honda: “ha fatto una moto su misura per Marquez, sacrificando gli altri piloti. Ovviamente lunga vita a Marc, l’unico in grado di guidarla con il suo stile”, ha concluso.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE