LaPresse/Reuters

Peter Sagan è stato squalificato dal Tour de France. Il ciclista della Bora Hansgrohe avrebbe colpito Cavendish durante la volata di ieri

Peter Sagan è stato squalificato dal Tour de France a causa di un contatto con Mark Cavendish della Dimension Data. Lo slovacco campione del mondo in carica era uno dei pretendenti alla vittoria finale della maglia verde e puntava a raggiungere Erik Zabel (vincitore di 5 maglie verdi in carriera) nella speciale graduatoria della classifica per i velocisti. Il velocista della Bora Hansgrohe aveva concentrato la sua stagione proprio su questo obiettivo, ma a causa della giuria francese è saltato tutto e rimandato al prossimo anno.

Guardando le prime immagini sembra che Peter Sagan abbia colpito con il gomito Mark Cavendish, ma analizzano tutti i frame la situazione si ribalta. Nella volata, il corridore della Dimension Data, ha trovato un varco molto stretto e ha cercato di prendere la ruota dello slovacco. Nelle fasi concitate il ciclista britannico si sarebbe appoggiato a Peter Sagan cadendo. Nell’incidente sono stati coinvolti anche Swift e Degenkolb che hanno travolto Cavendish. In ogni volata, Sagan cerca di prendere maggiore aerodinamicità allargando leggermente i gomiti per poi sprigionare tutta la potenza necessaria per la volata finale.

Questa edizione del Tour de France ha perso importanti big come Valverde e Izagirre, e togliere così anche Sagan dalla corsa è stato eccessivo. La corsa francese è una vetrina troppo importante e ciclisti come lo slovacco portano tifosi, audience e sponsor. Altra cosa non da sottovalutare: Dèmare della FDJ è il favorito per la maglia verde e sono troppi anni che un transalpino non vince la classifica per velocisti. L’eliminazione di Sagan dal Tour e il ritiro di Cavendish hanno spianato così la strada a Dèmare e alla squadra francese per la conquista della speciale graduatoria.