LaPresse/Photo4

Le sensazioni dei tre piloti più veloci delle qualifiche del Gp d’Ungheria: Vettel felice, Raikkonen sinceramente amareggiato e Bottas fiducioso

Una strepitosa doppietta tutta Rossa a Budapest. La pole position del Gp d’Ungheria è di Sebastian Vettel, che porta la Ferrari in prima posizione dopo 12 dalla sua ultima volta in terra ungherese.

Niente da fare per Lewis Hamilton che deve rimandare l’appuntamento col record di Michael Schumacher. Bene invece i due finlandesi di Ferrari e Mercedes, rispettivamente in seconda e terza posizione.

LaPresse/Photo4

Soddisfatto e sereno il tedesco della Rossa: “la macchina è stata incredibile per tutto il giorno. Abbiamo portato la macchina nella giusta finestra, il sole splendeva, c’è tanta gente, era importante andare forte, adesso vedremo domani. Stiamo lavorando sodo, le ultime gare non sono state grandiose, ma ora non conta nulla, siamo qui adesso e cerchiamo di fare del nostro meglio. Sono molto contento del livello che abbiamo raggiunto di nuovo come team, dobbiamo ricordarci come eravamo 12 mesi fa. Bellissimo ottenere questo risultato sabato ma l’obiettivo principale sarò quello che faremo domani“, ha dichiarato Vettel al termine delle qualifiche davanti al pubblico ungherese. “La pausa estiva è da lunedì anche se dobbiamo fare i test settimana prossima, non guardo ai numeri, è troppo presto per parlare, fino ad oggi è andata tutto in molto discreto, ma dobbiamo rimanere concentrati e pensare alla gara di domani, non poteva andare meglio di così“, ha concluso il ferrarista.

LaPresse/Photo4

Non è andata troppo bene, l’inizio del giro non era male, anche la fine, ma poi sono finito sul cordolo nella chicane e ho perso un po’ di tempo. Un po’ deludente, sentivo di avere la pole a portata di mano, ma non ce l’ho fatta. Se guardiamo i tempi sul giro questo circuito si adatta alla Ferrari, ma se guardiamo ieri non è stato semplice, oggi siamo contenti, siamo riusciti a migliorare la macchina per le qualifiche, siamo contenti della guidabilità ma domani sarà dura dobbiamo lottare“, ha aggiunto Kimi Raikkonen.

LaPresse/Photo4

Siamo stati veloci per tutto il weekend ma sapevamo che sarebbe stata dura in qualifica e che sarebbe stata dura battere la ferrari, dobbiamo fare moto lavoro i circuiti come questi vedremo domani, è chiaro che le nostre prestazioni non sono quelle che avremmo voluto, dobbiamo lavorare con la macchina e concentrarci per la gara di domani, lunga tutto può succedere“, ha concluso Bottas.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE