LaPresse/Photo4

Il responsabile Motorsport della Pirelli, Mario Isola, non riesce ancora a dare una spiegazione a quanto accaduto a Vettel e Raikkonen nel finale del Gp di Silverstone

La Pirelli brancola nel buio, non hanno ancora una spiegazione certa i problemi patiti dalla Ferrari nel finale del Gp di Silverstone costati un secondo e un quarto posto a Raikkonen e Vettel.

LaPresse/Photo4

Interrogato sulle possibili cause che hanno determinato questi inconvenienti, Mario Isola non è riuscito a dare una spiegazione chiara e precisa: “ovviamente stiamo ancora indagando – le parole di Mario Isola riportate da Motorsport.com e andremo a fondo con le analisi per chiarire l’accaduto. Al momento crediamo che i problemi siano di natura differente, nel caso di Kimi possiamo escludere che si tratti di un problema alla carcassa, visto che il pneumatico è arrivato ai box ancora gonfio. C’è una parte danneggiata ma indagheremo su tutte le aree. Sebastian ha invece avuto un problema differente che ha causato una perdita d’aria. Stiamo lavorando insieme alla Ferrari, i loro dati saranno preziosi per far luce sull’accaduto.

LaPresse/PA

Nel caso di Kimi non credo che la causa sia legata all’usura, per Sebastian dobbiamo verificare. Non ha neanche senso parlare di un limite di giri di utilizzo, perché ogni monoposto gestisce le gomme in modo differente, quindi non possiamo dire che si tratti di un problema di usura, così come di un problema di integrità. Non credo che la spiattellata possa essere il motivo di una problema come quello accaduto a Sebastian. Valuteremo tutti i dati, eventuali vibrazioni, temperature, pressioni, qualsiasi indicazione sarà essere utile per far luce sull’accaduto. Posso dire però che il pneumatico di Kimi non aveva blister, e stiamo verificando ora quello di Vettel“.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE