Giro del Delfinato: Fuglsang ringrazia Aru: “è stato fondamentale per il mio successo”

SportFair

Jakob Fuglsang ringrazia Fabio Aru per il grande aiuto al Giro del Delfinato vinto proprio dal danese dell’Astana

L’ultima frazione del Giro del Delfinato è stata molto elettrizzante grazie ai big che si sono dati battaglia lungo tutto il percorso. La vittoria di tappa è andata a Jakob Fuglsang dell’Astana che vince anche la maglia gialla. Una bella impresa quella del danese che non aveva mai vinto con la squadra kazaka. Il corridore della’Astana ha vinto 2 tappa e classifica generale al Giro del Delfinato, nell’anno della morte di Michele Scarponi.

LaPresse\Dirk Waem

Dopo il secondo posto ottenuto alle olimpiadi di Rio, Jakob Fuglsang ha finalmente centrato una vittoria di prestigio e si apre uno scenario importante per il Tour de France. “Il podio olimpico è di una importanza straordinaria, anche se non vinci. Ma questo è il momento più significativo della carriera – ha dichiarato Fuglsang  come riportato da La Gazzetta dello Sport -. Non abbiate dubbi, il ciclismo è cambiato ed è proprio questa una delle ragioni per cui sono riuscito in questo risultato. Sono per un ciclismo pulito, io sono onesto e non voglio rischiare. La strada è buona ma la lotta al doping non si deve fermare”.

LaPresse/ Fabio Ferrari

La dedica della vittoria del danese al Giro del Delfinato è da brividi: “per il mio indimenticabile compagno e amico Michele Scarponi. E per mia moglie, che è in Lussemburgo perché è incinta. Spero che partorisca prima dell’inizio del Tour“, ha continuato.

Chi ha davvero fatto una gran Giro del Delfinato è stato Fabio Aru. Grazie al suo aiuto, Fuglsang è riuscito a vincere la 6ª tappa della mini corsa francese. Il danese dell’Atana ringrazia con affetto il Cavaliere dei Quattro Mori: “è stato fondamentale per il mio successo”, ha concluso.

Condividi