Foto LaPresse - Belen Sivori

Arnaud Demare ha vinto la seconda tappa del Giro del Delfinato e ha dedicato il trionfo a tutti i ciclisti morti nelle strade a causa di incidenti stradali

Arnaud Demare ieri è stato perfetto. Il ciclista della FDJ ha vinto la seconda tappa del Giro del Delfinato aiutato del duo italiano Cimolai-Guarinieri. Un treno perfetto che ha portato al trionfo del francese davanti a Kristoff della Katusha Alpecin, Bouhanni della Cofidis e Colbrelli della Bahain Merida. A 250 metri dal traguardo Demare è stato implacabile grazie alla sua falcata scavalcando il ciclista della Bahrain Merida e bruciando il corridore della Katusha Alpecin. I big hanno chiuso in gruppo con Aru sempre a ruota di Froome.

Un trionfo importante per Demare che ha voluto dedicare la vittoria di tappa ai ciclisti morti in strada: la strada è di tutti. Dei ciclisti, degli automobilisti, dei motociclisti. E la strada dobbiamo dividerla. Rispettateci. È quello che ci consente di praticare meglio il nostro sport. Questa vittoria è per tutti i ciclisti che sono rimasti uccisi sulle strade – ha dichiarato il ciclista della FDJ come riportato da La Gazzetta dello Sport -. Ci sono state molte vittime. Io ci penso molto quando mi alleno. Non sono arrabbiato con chi guida veicoli a motore, ma è pericoloso, ed è qualcosa che dobbiamo affrontare ogni giorno”.