Insulti razzisti a Muntari, Melissa Satta disprezza l’atteggiamento dell’arbitro: “dovrebbe vergognarsi”

SportFair

Muntari è stato vittima di insulti razzisti a suo discapito, l’arbitro lo ha ammonito: Melissa Satta dice la sua sull’episodio che sta facendo indignare l’Italia intera e non solo

Insulti razzisti a Muntari, Melissa Satta disprezza l’atteggiamento dell’arbitro: “dovrebbe vergognarsi” – Succede allo stadio  Sant’Elia di Cagliari che Sulley Muntari, calciatore ghanese del Pescara, venga fischiato così tanto e vengano fatti così tanti cori razzisti al suo indirizzo che il calciatore in questione (pur essendo purtroppo abituato a questo tipo di vessazioni) lo faccia notare all’arbitro. Succede poi che il suddetto arbitro pur sentendo queste illazioni razziste, eviti di fermare la partita come sarebbe giusto fare, e che anzi ammonisca Muntari per proteste. Succede infine che l’ex Milan, troppo indignato per continuare a giocare, si auto espella lasciando in 10 i suoi compagni di squadra.

Insulti razzisti a Muntari, Melissa Satta disprezza l’atteggiamento dell’arbitro: “dovrebbe vergognarsi” – Questo è quando successo durante la 34ª giornata di Serie A mentre si disputava l’incontro tra Cagliari e Pescara all’indirizzo di Muntari. Un episodio davvero spiacevole, condannato oggi anche dall’ONU. Di questo ha parlato anche Melissa Satta, moglie di Kevin Prince Boateng compagno di squadra al Milan di Muntari. La bellissima show girl a Tiki Taka, programma su Italia Uno nel quale presenzia, ha ammesso: “la cosa che gli ha dato fastidio è che, dopo aver chiesto aiuto all’arbitro, da parte sua c’è stata indifferenza. Tutti hanno di lui l’immagine di un ragazzo impulsivo, ma negli anni è cambiato molto. Si è poi rivolto a un bambino, con il direttore di gara che gli ha detto di non rivolgersi al pubblico. Un arbitro non può ignorare una cosa del genere, molto seria. Se è giovane, può farsi aiutare. Ritengo la situazione sia assurda, dicendo a un giocatore di star zitto, per poi ammonirlo. L’età non è una giustificazione, magari dovrebbe essere punito lui, evitando i campi di Serie A. Lo ha ammonito e dovrebbe vergognarsi”.