Golf – Bmw Pga Championship: Francesco Molinari super, l’italiano al comando

SportFair

Francesco Molinari al comando del Bmw Pga Champioship. E’ affiancato da Scott Jamieson e da Thomas Pieters e sta ricevendo tanto sostegno dal pubblico sia italiano che straniero. Nino Bertasio resta in alto (14°) e Matteo Manassero recupera (32°)

Francesco Molinari (137 – 67 70, -7), con una prova d’autore, è salito in vetta al BMW PGA Championship, il prestigioso torneo dell’European Tour, equiparato quasi a un major e primo degli otto eventi delle Rolex Series, che si sta svolgendo sul West Course (par 72) del Wentworth Club a Virginia Water, in Inghilterra.

Il torinese ha la compagnia dello scozzese Scott Jamieson (67 70) e del belga Thomas Pieters (68 69) e il trio precede di un colpo il tedesco Maximilian Kieffer (138, -4) e di due lo svedese Henrik Stenson, numero cinque mondiale, l’inglese Lee Westwood, il sudafricano Branden Grace e il coreano Byeong Hun An (139, -5).

Belle prestazioni anche degli altri due azzurri Nino Bertasio, 14° con 141 (68 73, -3), che ha saputo mantenersi in alta classifica, e di Matteo Manassero, 32° con 144 (par), risalito dalla 61ª posizione, mentre sono usciti al taglio Edoardo Molinari, 115° con 151 (77 74, +7), e Renato Paratore, 137° con 154 (75 79, +10).

Navigano tra metà e bassa graduatoria lo svedese Alex Noren, 23° con 143 (-1), gli inglesi Danny Willett e Ian Poulter, 39.i con 145 (+1), e Chris Wood, campione in carica, e Justin Rose, 52.i con 146 (+2). Out il tedesco Martin Kaymer, 93° con 149 (+5).

Il pubblico per Francesco  – Francesco Molinari, che risiede a Londra, come già nel primo giro, ha avuto un significativo sostegno dal pubblico, per lo più straniero, che dimostra molto calore nei suoi riguardi. Sul West Course, piuttosto ostico e pieno di insidie, vento compreso, si trova particolarmente a suo agio tanto che dal 2013 è il giocatore che ha effettuato più giri sotto par di ogni altro concorrente, ben 12. Ha iniziato nuovamente perdendo un colpo sulle buche in uscita con la sequenza bogey-birdie-bogey, poi nella seconda parte del tracciato, con il vento che disturbava parecchio, non ha praticamente commesso errori. E’ tornato in par con un birdie alla 13ª e ha sfruttato a pieno i due par cinque finali con altrettanti birdie. Da incorniciare il secondo colpo alla buca 18, a circa quattro metri dall’asta, ma la palla per l’eagle, che poteva dargli la leadership solitaria, si è fermata a cinque centimetri dal bersaglio (70, -2). Thomas Pieters ha girato in 69 (-3) colpi con quattro birdie e un bogey e Scott Jamieson non è stato un modello di regolarità, ma alla fine i conti gli sono tornati con sette birdie, tre bogey e un doppio bogey per il 70.

Gli altri azzurri – Nino Bertasio si è difeso con grande grinta. E’ stato costretto a inseguire sempre il par, ma ha limitato al minimo i danni di tre bogey grazie a due birdie (73, +1).  Matteo Manassero ha rimontato con un eagle, due birdie e tre bogey per il 71(-1). Edoardo Molinari ha lottato generosamente, ma il passivo iniziale troppo pesante e problemi da risolvere con il driver lo hanno messo fuori gioco. Renato Paratore, invece, è apparso un po’ scarico dopo la bella prestazione in Sicilia.

Il torneo su Sky – Il BMW PGA Championship viene teletrasmesso in diretta da Sky. Terza giornata: sabato 27 maggio, dalle ore 13,30 alle ore 18,30 (Sky Sport 2 HD).

Condividi