Giro d’Italia, Pellizotti non ha dubbi: “Nibali crollato? No! Ecco una sua grande dote”

Franco Pellizotti esalta le doti di Vincenzo Nibali: il compagno di squadra dello Squalo dello Stretto tra studi e certezze

Giornata di riposo oggi al Giro d’Italia numero 100. Tom Dumoulin si gode la maglia rosa, mentre i suoi rivali studiano le prossime tappe per cercare di agganciarlo e lottare per la vittoria finale. Inizia domani l’ultima settimana di questa speciale edizione della corsa rosa che compie 100 anni.

Pronto a fare del suo meglio nelle toste montagne che dovrà affrontare in questi ultimi giorni, Vincenzo Nibali ha un ottimo gruppo pronto a supportarlo e sostenerlo.

Franco Pellizotti è certo che lo Squalo dello Stretto è in ottime condizioni: “Vincenzo sta bene. La rabbia lasciata dal finale di Oropa è positiva. Alla sera, dopo i massaggi, abbiamo analizzato insieme con i nostri tecnici i dati di quella salita e abbiamo avuto la conferma di quello che pensavamo: Nibali non è crollato, semplicemente è Dumoulin che ha fatto qualcosa di straordinario“, ha dichiarato in un’intervista a TuttoSport.

Dumoulin ha la maglia rosa ma le cose sono destinate a cambiare molto nei prossimi giorni. La Movistar sulla carta ha la squadra più forte ma nelle ultime tappe abbiamo visto che anche loro patiscono la fatica. Lo stesso Amador, uno dei gregari più quotati di Quintana, ha sofferto sulla salita di Oropa“, ha aggiunto il corridore del Team Bahrain, che conobbe Nibali tanto tempo fa, quando era solo un ragazzino: “Bruno Cenghialta mi parlava sempre di questo ragazzino di Messina e me lo sono trovato davanti ad un raduno a Livigno. Poi, un paio di stagioni dopo, eravamo compagni di squadra alla Liquigas“.

La Bahrain e Vincenzo sono pronti ad affrontare l’ultimo step, senza troppe pressioni: “questa è sempre stata una dote di Vincenzo: in gara ci mette il cuore, ci può restare male ma poi riesce sempre a estraniarsi. E lascia che siano i suoi avversari a patire la pressione“, ha concluso Pellizotti.