LaPresse/Photo4

Kimi Raikkonen non riesce a nascondere il disappunto per il secondo posto ottenuto nel Gp di Monaco alle spalle di Vettel

Un secondo posto che brucia, un podio quasi da dimenticare per Kimi Raikkonen che, dopo aver centrato la pole position a nove anni dall’ultima, avrebbe certamente preferito tagliare per primo il traguardo del Gp di Monaco. Invece, grazie ad una strategia diversa, Sebastian Vettel è riuscito a stargli davanti, centrando la terza vittoria in questa stagione.

LaPresse/Photo4

Un boccone troppo amaro da mandare giù, ecco perchè la faccia del finlandese sul podio era tutta un programma: “questo secondo posto non ha un buon sapore. Ma a volte va così. Ci riproverò alla prossima gara, questo però è uno di quei giorni in cui senti che avresti meritato di più” le parole di Raikkonen riportate dalla Gazzetta dello Sport. “La decisione di fermarmi prima non ha funzionato bene nel mio caso. E i doppiati mi hanno fatto perdere tempo, mi prendo il finale amaro della storia. Ma, come pilota, non posso fare di testa mia, se si lavora da squadra bisogna fidarsi di quello che ti viene detto e del lavoro degli ingegneri. Possiamo discuterne quanto vogliamo, ma non cambia molto. Per la squadra, è un grande risultato. Mentre nel mio palmares questo secondo posto conta poco“.