LaPresse/Photo4

Kiim Raikkonen soddisfatto per la pole position, ma il ferrarista non si sbilancia e rimane con i piedi per terra

Spettacolo e colpi di scena oggi a Monte-Carlo. La pole position del Gp di Monaco, sesto appuntamento della stagione 2017 di F1, è di uno spettacolare Kimi Raikkonen, seguito dal suo compagno di squadra Sebastian Vettel. Eccellente prestazione di Valtteri Bottas, che riesce a conquistare il terzo posto, nonostante le difficoltà di questo fine settimana della Mercedes.

Disastrosa invece la prestazione di Hamilton, che non è riuscito ad accedere al Q3 e partirà domani dalla 13ª posizione in griglia.

LaPresse/Photo4

L’ultima pole position conquistata da Kimi Raikkonen risale al Gp di Francia del 2008 e il finlandese della Rossa, anche se non lo dà a vedere, è soddisfatto del suo risultato odierno: “la miglior posizione di partenza per domani ma non garantisce nulla per la gara, in ogni casa me la prendo volentieri, è tutto il weekend è andato bene, abbiamo faticato un po’ in alcuni punti ma abbiamo lavorato per capire cosa fare e le qualifiche sono andate bene, non sono state perfette ma qui è difficile essere perfetti, mi sono trovato bene in macchina, si può fare sempre meglio ma siamo soddisfatti, abbiamo fatto un bel giro, mi sono sentito bene e questo mi ha permesso di spingere. Una qualifica positiva e lineare, sono contento per me e per il team anche perchè abbiamo due macchine in prima fila, e dobbiamo sfruttarlo al meglio“, ha dichiarato Raikkonen in conferenza stampa.

LaPresse/Photo4

E’ grandioso essere in pole position soprattutto in una delle gare in cui è più importante partire davanti, abbiamo davanti a noi una grande sfida per domani, per adesso tutto bene, sono contento della macchina, il team mi ha messo in ottime condizioni, grazie a loro le cose sono andate lisce e sono contento. E’ più o meno la stessa macchina delle ultime gare, ma questo è un circuito speciale, è stato complicato far funzionare tutto come volevamo, ma nelle qualifiche le cose sono andate più nel posto giusto, abbiamo azzeccato tutti i dettagli. Non credo che esista un giro perfetto, è complicato mantenere le gomme nella temperatura giusta, ci sono alcuni punti in ogni giro in cui senti che avresti potuto fare meglio se le gomme avessero funzionato meglio, ma tutto sommato abbiamo trovato un buon feeling con le gomme, evidentemente il mio giro è stato abbastanza per il primo posto“, ha aggiunto il ferrarista ai microfoni di Sky Sport.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE