Lo stile di Rachele Barbieri, campionessa di ciclismo e di eleganza. L’iridata ai microfoni di SportFair: “adesso sogno le Olimpiadi di Tokyo”

  • Rachele Barbieri
  • Rachele Barbieri
  • LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/EFE
/
SportFair

A pochi giorni dallo storico successo ai Mondiali di Hong Kong, Rachele Barbieri si racconta ai microfoni di SportFair

Rachele Barbieri è la giovanissima ciclista che ha regalato all’Italia una gioia storica: la medaglia d’oro nella specialità dello scratch ai Mondiali di Ciclismo su pista che si stanno svolgendo ad Hong Kong. A pochi giorni dallo storico successo, l’abbiamo intervistata per raccontare cosa c’è dietro questa ragazza così forte sulla bicicletta.

Che emozioni hai provato sul podio mentre sentivi le note dell’Inno di Mameli dopo la stupenda vittoria di Mercoledì?

Non sono riuscita a resistere, la gioia e l’emozione erano più forti di me in quel momento, sono scoppiata a piangere!!

Un ringraziamento e una dedica speciale per la tua vittoria?

La mia famiglia in primis, mi hanno sempre sostenuto lasciandomi crescere con i miei spazi senza mai mettermi pressione. A loro devo tanto! Un enorme grazie va anche alla Nazionale Italiana, senza cui mai avrei potuto realizzare questo sogno! L’ottimo lavoro fatto con costanza e perseveranza ha dimostrato che i sacrifici ripagano sempre, credo e spero che sia una grossa soddisfazione anche per loro come lo è per me!

Consideri questa vittoria un traguardo raggiunto o un punto di partenza? E in entrambi i casi, perché?

Assolutamente un punto di partenza, voglio sfruttare al massimo quello che ho fatto mercoledì! Voglio trovare in questa vittoria le sicurezze che mi permettano di far sì che ciò che ho fatto possa ripetersi!

Sei pronta alla grande festa che ti aspetta al tuo ritorno? Quando sarai di nuovo a casa e che programmi hai adesso?

Si! Non vedo l’ora di festeggiare! Credo che sia doveroso farlo! Ma allo stesso tempo non ci penso ancora troppo perché spero di salire un altra volta in pista domani nella Madison, quindi non voglio perdere la concentrazione, come ho già detto più volte voglio che questa maglia iridata sia un punto di partenza e non di arrivo!! Tornata a casa mi dedicherò un po’ più alla strada visto che fino ad oggi era stata un po’ tralasciata per la preparazione di questo mondiale“.

La Cylance Cycling ti ha dato la grande opportunità di toglierti queste soddisfazioni straordinarie con la Nazionale. Come speri di ricambiare questa fiducia data dal tuo team?

Si, al mio team devo davvero un enorme GRAZIE per quello che mi ha permesso di fare, per la serenità che mi ha lasciato nel preparare questo obiettivo! Ora è giusto ripagarli di quanto fatto quindi cercherò di dare il meglio di me per poter arrivare alle prossime competizioni su strada nella massima condizione così da essere un  buon supporto per le mie compagne“.

Da dove nasce la tua passione per il ciclismo? Come e quando hai iniziato a pedalare?

“La mia passione per il ciclismo è nata tramite mia sorella Rebecca! Lei ha corso in bici nelle categorie giovanili ed essendo più grande di me, mi ha fatto uscire quella curiosità che solo una bambina può avere!! Così, per gioco, è iniziata la mia strada in sella alla bicicletta“.

A quali corridori ti ispiri?

Non seguo nessuno in particolar modo, cerco di prendere il meglio da tutti, c’è sempre qualcosa da imparare in qualsiasi atleta“.

E’ noto il forte legame che hai con la tua terra: cosa ti lega così tanto ad un’area splendida come l’Emilia in cui sei nata e in cui ti alleni?

Ci sono nata, c’è la mia famiglia, diciamo che è un luogo che più di tutti mi da serenità e protezione“.

Quali sono i tuoi obiettivi futuri?

Saranno le gare su strada con il mio team Cylance Pro Cycling per poi tornare all’attività su pista per i campionati europei di fine luglio e poi di nuovo su strada nella speranza di poter partecipare anche ai campionati europei su strada che si svolgeranno in agosto in Danimarca“.

Il sogno più grande per la tua carriera?

Le Olimpiadi di Tokyo 2020“.

Spesso si considera la donna sportiva poco attenta alla cura di sé e alla bellezza: uno stereotipo oggi ormai sdoganato. Tu, che sei molto attenta ai particolari, all’abbigliamento e allo stile, come vivi questo binomio?

Adoro curare il mio aspetto estetico! Mi piace vestirmi bene, truccarmi e stupire!! Le poche volte che mi rimane tempo di uscire a festeggiare con gli amici curo molto il mio abbigliamento, i tacchi sono d’obbligo!!

Quali sono i tuoi gusti di stile e cosa ami fare di più quando scendi dal sellino e smetti di pedalare?

Mi piace molto l’elegante, ma non per questo disprezzo lo stile più  semplice e sportivo! Adoro passare il tempo con i miei amici e la mia famiglia ma non solo, adoro anche fare shopping e viaggiare!

Quali sono i tuoi progetti e il sogno nel cassetto per la tua vita personale, a prescindere i successi sportivi che ti auguriamo siano più numerosi possibili?

Sicuramente quello di poter essere felice sempre, sto facendo quello che mi piace e credo che sia la cosa più importante!