Roberto Gagliardini va allo Juventus Stadium per vedere la partita di Champions League tra i bianconeri e il Barcellona, ma la sua presenza nell’impianto sportivo torinese non è gradita dagli stolti tifosi nerazzurri

Gagliardini allo Stadium, la ridicola ‘gelosia’ del tifoso interista perso in una valle di stupide chiacchiere – Oggi vi vogliamo raccontare la storia di un ragazzo. Un ragazzo che va allo stadio a vedere una delle partite clou della stagione. Un ragazzo che ha 23 anni, è alto 1,88 ed ha una passione sconfinata per il calcio. Lui ci lavora nel calcio. Meglio, lui è cresciuto a pane e calcio. Ed è cresciuto anche bene con questa dieta ferrea. Il ragazzo di cui vi stiamo raccontando la storia è Roberto Gagliardini, centrocampista dell’Inter e della Nazionale Italiana. Lui è colui che è andato a vedere il match tra Juventus e Barcellona molto innocentemente e che n’è uscito ‘malconcio’.

LaPresse/Spada
LaPresse/Spada

Gagliardini allo Stadium, la ridicola ‘gelosia’ del tifoso interista perso in una valle di stupide chiacchiere – Come mai vi chiederete? Il centrocampista, talento in erba italiano, ha solo guardato una partita. Era lì dove ogni amante del calcio avrebbe voluto essere. Era in tribuna dove ha potuto vedere le giocate di Leo Messi da un palmo di mano e guardare la Juventus vincere. Gagliardini non ha esultato, non ha preso parti e non ha fatto nulla di male.

Gagliardini allo Stadium, la ridicola ‘gelosia’ del tifoso interista perso in una valle di stupide chiacchiere – Ma pare che Roberto invece presenziando al match di Champions League abbia fatto qualcosa di male visto i commenti dei tifosi dell’Inter sui social. “Che delusione vederti a Torino, vai a giocare con quelli lì”, “vai negli spogliatoi a fare i complimenti ed a completare l’opera”, fino alle offese personali “resta a Torino merda“. I tifosi che hanno insultato Gagliardini sarebbero definibili meglio come ‘pseudo tifosi’.

Gagliardini allo Stadium, la ridicola ‘gelosia’ del tifoso interista perso in una valle di stupide chiacchiere – Sono infatti fan che si professano tali ma che non lo sono, sono tifosi che tifano per il calcio da rissa e non da stadio. Sono ultrà e non persone che amano lo sport. Sono coloro che non tifano per il calcio bello giocato tra dribbling, finte e sombreri, ma sono coloro che vogliono vedere la propria squadra vincere ad ogni costo e che non vedono l’ora di riempire l’avversario di insulti qualora perdesse. Soprattutto sono quelli che non riescono a vedere quello che c’è di buono nello sport oltre a avversità assurde prese a priori. Così Gagliardini per questi tizi rappresenta la fidanzata/moglie che ‘tradisce’ solo guardando un altro, magari più bello e talentuoso, ma comunque ‘un altro’ di cui essere tremendamente gelosi. Gagliardini è la fidanzata che guarda gli occhi belli dell’altro senza neanche parlargli, ma al solo farlo si merita insulti e parole vomitevoli dal fidanzato che guardando quell’altro più bello è in grado solo di trovarne i più ridicoli difetti.