LaPresse/Gerardo Cafaro

Dopo l’andata dei quarti di finale di Champions League, torna lo spettacolo della serie A: ecco le quote William Hill per la 32ª giornata

I pronostici di William Hill, che assicura la migliore esperienza live con la quota giusta al momento giusto, accompagnano il 32esimo turno di campionato. Sabato riflettori puntati sui campi di tutta Italia per i match pre-pasquali, che intratterranno il pubblico dall’ora di pranzo fino a sera. A dare il via all’intensa giornata saranno Inter e Milan. William Hill Scommesse Sportive, il più autorevole bookmaker britannico, propone moltiplicatori allettanti abbinati ai segni tradizionali: favorita la squadra nerazzurra (2.10), mentre la vittoria della compagine di Montella (3.30) e il pareggio (3.60) triplicano abbondantemente la posta.

LaPresse/Jennifer Lorenzini
LaPresse/Jennifer Lorenzini

Grande equilibrio negli ultimi otto derby di campionato tra le due formazioni meneghine, con due vittorie per parte e quattro pareggi: nel parziale l’Inter ha segnato sei goal, otto il Milan. A seguire, la capolista (1.28) sarà ospitata da un Pescara (10.00) che, stando alle quote, sembra avere davvero poche probabilità di uscire dallo scontro a testa alta. Attenzione soprattutto ai primi 15 minuti di gioco: la Juventus è la squadra che finora in questo campionato ha segnato più goal nel primo quarto d’ora, mentre la formazione abruzzese quella che ne ha concessi di più nello stesso intervallo.

Al Franchi la favoritissima Fiorentina cercherà di mettere fuori gioco un affaticato Empoli: poco probabile la vittoria degli azzurri a giudicare dal moltiplicatore offerto per il segno 2 (9.00), mentre il successo dei viola è bancato a 1.33. D’altronde la Fiorentina ha perso solo uno degli ultimi 14 incontri contro l’Empoli in Serie A, vincendo nove volte nel parziale. Interessante il match CagliariChievo: tra le squadre affrontate almeno 19 volte in Serie A, i clivensi rappresentano quella contro cui i sardi hanno vinto meno partite, ma i tifosi ci credono e il bookmaker favorisce i rossoblu (2.20), mentre il segno 2 triplica abbondantemente la posta (3.20).

LaPresse/Spada
LaPresse/Spada

Al Renzo Barbera sarà la volta di PalermoBologna: le quote associate ai segni tradizionali fanno pensare a una partita di grande equilibrio, dal momento che il bookmaker mette in vetrina la vittoria siciliana a 2.60 e quella dei felsinei a 2.70. Attenzione, però: i nerorosa hanno perso solo una delle 24 sfide interne contro il Bologna in Serie A, nel lontano 1934. La formazione di Spalletti (1.50) è pronta a dare il meglio di sè contro l’Atalanta (6.00). La vittoria della Roma è data quasi per scontata e i tifosi troveranno molto allettante il moltiplicatore associato all’Over 4.5 Goal (4.00): saranno forse tutte reti segnate dalla “maggica”? Per convincersi basta pensare che i giallorossi, sconfitti solo dal Napoli, hanno vinto 17 delle ultime 18 partite casalinghe in campionato. Stessi moltiplicatori per il mercato 1X2 anche per Torino (1.50)-Crotone (6.00): i calabresi dovranno sare il massimo e le speranze sono rivolte a Diego Falcinelli, dal momento che sei degli ultimi otto goal del Crotone sono stati firmati proprio da lui.

LaPresse/Valerio Andreani
LaPresse/Valerio Andreani

Favorite le Aquile contro il Genoa (4.50): dopo una serie di otto successi consecutivi, il grifone non ha vinto nessuna delle ultime tre gare di campionato contro la Lazio (1.70). Alle 18 SassuoloSampdoria: bilancio in perfetto equilibrio tra le due compagini, con due i successi per parte e tre i pareggi nei sette confronti. Il bookmaker mette in vetrina la vittoria dei neroverdi a 2.20, mentre il segno 2 è proposto a 3.10. A chiudere questa 32esima giornata di campionato ci pensa il Napoli (1.28), che ospiterà al San Paolo i friulani: in lavagna sembra proprio che l’Udinese sia spacciata, visto che il suo successo è associato a un moltiplicatore da capogiro (10.00). Stando ai pronostici, i friulani faticheranno contro gli azzurri: il Napoli vanta la media di possesso palla più alta di questo campionato, mentre solo il Crotone ne ha registrata una più bassa dell’Udinese.