LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

Fernando Gaviria, ciclista della Quick Step Floors, ha lodato la prestazione di Sagan dopo la tappa di ieri della Tirreno-Adriatico

Gian Mattia D'Alberto /LaPresse
Gian Mattia D’Alberto /LaPresse

Ieri Fernando Gaviria ha duellato alla pari con Peter Sagan alla Tirreno-Adriatico. Il ciclista della Quick Step Floors ha vinto il primo round contro il campione del mondo, ma sicuramente la sfida non finirà qui. Gaviria e Sagan saranno protagonisti alla Milano-Sanremo e saranno loro a contendersi la vittoria finale.

Il ciclista della Quick Step Floors è stato soprannominato il ‘Nuovo Sagan‘ e ieri ha dimostrato di essere alla pari con lo slovacco. Come il campione del mondo in carica, il corridore colombiano ha intelligenza tattica nelle volate, sa aspettare il momento esatto per attaccare i suoi avversari. Era da tempo che il ciclismo non vedeva sfide tra due ciclisti ancora giovani che in futuro possono vincere tanto.

Gian Mattia D'Alberto /LaPresse
Gian Mattia D’Alberto /LaPresse

Gaviria, dopo la tappa di ieri alla Tirreno-Adriatico, è soddisfatto della vittoria contro Sagan:”abbiamo visto tutti cosa è stato in grado di fare a Fermo, in quale stato di grazia sia. Correre contro uno come Sagan è molto complicato perché lui può vincere in tanti modi. – ha dichiarato il ciclista della Quick Step Floors come riportato da La Gazzetta dello Sport -. In squadra volevamo fortemente questa vittoria, era l’ultima possibilità per i velocisti. Dopo il traguardo mi sono scusato con Sagan per non avere collaborato, ma avevo un compagno davanti. Non sono uno che ama fare il furbo“.

Per la Milano-Sanremo, Gaviria ha un super consigliere: Alessandro Petacchi. Lo spezzino conosce bene la corsa e le insidie del tracciato. ‘Ale Jet’ vede nel colombiano un possibile vincitore della classica e sta cercando di dare consigli su come gestire la fatica e le energie:Alessandro è un ragazzo che ha tanto da insegnare – conclude-. Parliamo di tutta la mia carriera, di come gestirmi e comportarmi in generale, non tanto in gara”.