stefania palma madre valentino rossi luca marini

Tutti credono in Valentino Rossi: i bellissimi messaggi di supporto della sua famiglia in questo inizio di stagione difficile. Ecco cosa dicono mamma Stefania, papà Graziano e il fratello Luca al Dottore

E’ andata in scena ieri la prima sessione di prove libere del Gp del Qatar. Ancora una volta Maverick Vinales è stato il più veloce, lasciandosi alle spalle un forte Marc Marquez. Continua a non brillare Valentino Rossi, che ha chiuso la prima sessione di libere col nono tempo.

Continua quindi con qualche difficoltà l’avvicinamento del Dottore al primo Gp dell’anno, ma in tantissimi credono in lui e hanno voluto mandargli dei messaggi di supporto.

graziano rossiCaro Valentino, ricordi il messaggio che ti ho mandato a fine test? Ti dicevo che sarei stato più preoccupato se avessi chiuso ai primi tre posti, nella tua storia hai spesso avuto partenze difficili. Devi sempre rincorrere qualcosa, altrimenti non ci si diverte. Però ora si è aggiunto un altro problemino che si chiama Maverick Vinales: un avversario di gran livello. Io credo al tuo 10° titolo, ma prima voglio godermi una stagione meravigliosa. Come tutte le altre che ci hai regalato“, queste le parole di papà Graziano, riportate da La Gazzetta dello Sport

LaPresse/Piero Cruciatti
LaPresse/Piero Cruciatti

Ciao Valentino. In queste settimane mi è piaciuto osservarti, vedere come preparavi questa nuova sfida. Passano gli anni, cambiano gli avversari, ma in te vedo sempre la stessa, grande concentrazione. Mi piace vederti curare i dettagli: una delle tue qualità è di essere sempre stato un lavoratore. I test sono stati complicati, ma alla fine conta la gara. La sola cosa importante sarà avere una moto che ti permetterà di affrontare ogni situazione. Per pensare agli avversari, ci sarà tempo“, questo invece il messaggio di mamma Stefania.

luca marini valentino rossiNon poteva infine mancare l’appoggi del “fratellino” Luca Marini: “lo so che si parla molto del tuo inverno difficile, ma io invece ti ho visto bene. E’ ancora troppo presto per dire che ci sono problemi, il campionato non lo fai alla prima gara, e anche se partire bene aiuta, per me solo all’arrivo in Europa si inizierà a fare sul serio. In allenamento io ti ho visto sempre molto carico e forte, al Ranch sei sempre quello da battere, all’ultima curva trovi sempre il modo di fregare tutti. Sei uno stimolo per noi, ma lo siamo anche noi per te“.